Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lascia una rosa nell'auto della moglie per farsi perdonare, ora rischia di finire a processo

Lascia una rosa nell'auto della moglie per farsi perdonare, ora rischia di finire a processo
di Pierfederico Pernarella
3 Minuti di Lettura
Domenica 26 Giugno 2022, 08:44 - Ultimo aggiornamento: 20:15

 Voleva farsi perdonare dalla moglie da cui si stava separando e aveva pensato che un fiore potesse bastare, ma non aveva fatto i conti con la giustizia. E così ora una rosa rossa rischia di costargli un processo. Eppure lui, un imprenditore di 39 anni del capoluogo che opera nel settore delle manutenzioni industriali, ci sperava. Anche a costo di farla grossa.
I

l rapporto tra i due coniugi era giunto al capolinea nel peggiore dei modi dopo mesi segnati da gelosie reciproche e litigate furibonde. Lui le impediva di uscire con le amiche e spesso non riusciva a contenere la rabbia e l'aggressività. Motivo in più per la donna per farla finita. Ma il marito, nonostante la fermezza della consorte, aveva continuato a perseguitarla con sempre più insistenza. Tanto che la donna, durante la lunga e burrascosa separazione, era stata costretta anche a denunciarlo per stalking e maltrattamenti in famiglia. E il Tribunale ha disposto nei confronti dell'uomo il divieto di avvicinamento alla consorte. Insomma, ce n'era abbastanza per mettersi l'anima in pace.


E invece a febbraio dello scorso anno l'uomo è tornato alla carica. Il giorno prima di San Valentino, di notte, come un ladro, si è introdotto furtivamente nell'abitazione in cui viveva con la moglie, ha preso le chiavi dell'auto e ha lasciato nella vettura una rosa rossa con il gambo lungo. Di un metro, precisano le carte giudiziarie senza pietà per l'ardore e l'ardire dell'uomo. Un po' Romeo, un po' Arsenio Lupin. Quindi il 39enne ha chiuso l'auto e ha riportato le chiavi in casa, convinto di potersi guadagnare il perdono della moglie e di non incorrere in nessun guaio stante il divieto di avvicinamento.

E invece il mattino seguente, il giorno di San Valentino, quando ha scoperto la rosa rossa, la moglie si è allarmata ed è andata su tutte le furie. Anche perché nel frattempo il marito non aveva mancato di vantarsi della sua prodezza. E così, per tutta risposta, con buona pace della corrispondenza d'amorosi sensi su contava l'uomo, è fioccata un'altra denuncia. Nei giorni scorsi all'imprenditore, difeso dall'avvocato Nicola Ottaviani, è stato notificato l'avviso di conclusione delle indagini. La prossima settimana, con il proprio legale, sarà ascoltato dall'autorità giudiziaria. Proverà a spiegare le proprie ragioni, ma rischia un processo per aver violato il divieto di avvicinamento e persino un aggravamento della stessa misura cautelare. L'unica speranza per lui è che il giudice tenga conto delle attenuanti... floreali.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA