Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La piaga della pedofilia aumentano le segnalazioni in provincia

La piaga della pedofilia aumentano le segnalazioni in provincia
di Giovanni Del Giaccio
3 Minuti di Lettura
Sabato 7 Maggio 2022, 11:43 - Ultimo aggiornamento: 11:44

 «La pedofilia è una minaccia costante all'integrità di bambini e ragazzi che oggi travalica il mondo reale e si diffonde anche online». Lo afferma la Polizia postale e delle comunicazioni, in occasione della giornata nazionale per la lotta alla pedofilia. Una data che porta anche a diffondere i numeri delle attività del compartimento del Lazio, diretto da Daniele De Martino. «Quanto accaduto negli ultimi due anni per l'emergenza pandemica, ha accelerato i processi di avvicinamento tra bambini e internet - spiega il dirigente - ha intensificato il rapporto di reciproca attrazione che già esisteva tra adolescenza e servizi di rete sociale online ed ha influenzato le abitudini quotidiane di ognuno di noi, imponendo una relazione sempre più stretta con il mondo virtuale, mostrando però altrettanto velocemente il suo lato oscuro».
Il trend è preoccupante: nella fascia di età da 0 a 9, il Compartimento Lazio ha identificato 5 vittime, mentre nella fascia 10-13 anni, 19 i ragazzini che hanno subito reati connessi alla pedopornografia, ad atti sessuali con minori e all'adescamento. Nel 2021 sono stati 588 i casi trattati dal compartimento.


In provincia di Frosinone nel corso del 2021 sono state 16 le perquisizioni, 13 le segnalazioni per detenzione di materiale pedopornografico, 8 i messaggi scoperti sui social e rivolti a minorenni. Quattro di queste fattispecie hanno riguardato l'adescamento di minori, con una denuncia alla Procura della Repubblica. «Molti i casi nei quali famiglie e vittime sono state costrette a fare i conti con la capacità manipolatoria di adulti consapevoli, con la circolazione illegale di immagini di violenza, con la condivisione in circuiti apparente anonimi, sulle darknet, di confessioni di fatti di abuso - si legge nella nota della Postale - A riprova dell'aggravamento della minaccia contro infanzia e adolescenza in rete, cresce il numero di soggetti indagati per reati di pedopornografia e adescamento denunciati». Nel Lazio ci sono stati 7 arresti e 116 denunce, oltre al sequestro di oltre 19.095 gigabyte (2.872 in provindia di Frosinone) di contenuti multimediali di natura illecita.
G.D.G.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA