Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bimbo annegato, è di Alatri la baby sitter indagata per abbandono di minore

Bimbo annegato, è di Alatri la baby sitter indagata per abbandono di minore
3 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Luglio 2022, 09:45

 Una donna di Alatri è indagata per il bimbo   di due anni e mezzo annegato  sulla spiaggia Nuova Oasi a  Santa  Severa. La donna, 50 anni, è stata iscritta sul registro degli indagati per  abbandono di minori  ma non è escluso che nel corso dell'inchiesta  il reato possa riqualificarsi in omicidio colposo. Nel corso dell'interrogatorio la donna  avrebbe ammesso di essersi distratta. Nel momento in cui si è consumata la tragedia aveva appena inviato una foto alla mamma del bambino (anche lei di origini ciociare) che era stato immortalato con un granchietto tra le mani. Ma la tata avrebbe anche ribadito con forza di non essersi mai allontanata da sotto l'ombrellone.  Dove si trovava insieme al piccolo Francesco ed alla sorellina  di due anni più grande. 

Davanti al magistrato inquirente  avrebbe dichiarato di non essersi resa conto che il piccino si  era allontanato dirigendosi  verso il bagnasciuga. Indagato anche il bagnino  incaricato di controllare i  villeggianti. La  baby sitter sarà  difesa dall'avvocato Angelo Testa.  Intanto nella giornata di ieri la Procura ha dato incarico ad un consulente di effettuare l'esame autoptico che si terrà presso l'istituto di medicina legale del Verano. L'esame dovrebbe scongiurare patologie pregresse che potrebbero aver scatenato un malore nel bimbo.
In questo caso l'annegamento sarebbe sopraggiunto come conseguenza di altra patologia. I risultati verranno consegnati sul tavolo del magistrato inquirente tra 60 giorni. La tragedia come si ricorderà si è consumata martedì scorso presso lo stabilimento di Santa Severa, quando il piccino è stato ritrovato in acqua privo di sensi. Inutili i soccorsi dei medici del 118 che hanno tentato disperatamente di rianimarlo. Il bambino è deceduto poco dopo il suo arrivo in ospedale.
Marina Mingarelli
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA