Roma, apre la spiaggia sul Tevere: palme finte a fine estate

Venerdì 3 Agosto 2018 di Mario Ajello
25

C’è il cocktail bar? No. Perché la decrescita, tra limonate e zanzare, dev’essere felice ma poco alcolica. Però gli operai hanno già piazzato due macchinette per il caffè e per i bibitoni. Più, naturalmente, i lettini prendisole, gli ombrelloni e decine di ciambelle di salvataggio per chi malauguratamente scivola nel biondo Tevere tra la bava dei topi. Ecco l’ultima spiaggia di Roma.
 

 

O Roma è all’ultima spiaggia. Non quella di Capalbio, anche perché non va più di moda e nel libro che celebra fasti e decadenza del lido radical chic, intitolato «L’ultima», Furio Colombo scrive in rima: «Se qualcosa è cambiato, e non ritrovate la festa, non è colpa nostra, è la destra». Stiamo parlando invece della spiaggia di Virginia Raggi, quella che la sindaca regala alla sua città, che dovrebbe inaugurarsi oggi a ridosso di ponte Marconi ma i lavori sembrano assai indietro, l’opera appare ancora incompiuta a poche ore dall’inaugurazione, i tre operai che ci lavorano alzano le braccia («Dovremmo aprirla subito, ma vede? Ci mancano ancora un po’ di cose da sistemare...») e la sabbia c’è e non c’è, montagne di ghiaia devono ancora essere stese nella zona. E insomma: questa potrebbe diventare, anche se c’è già la Milano Marittima di Salvini, una delle spiagge della prima estate sovranista e giallo-verde. Ma prima, Virginia Beach deve aprire. I tempi sono strettissimi, il lavoro ancora da fare non sembra poco. E le palme finte, insieme a tutto il resto, che arrivano quasi a fine estate (giugno era il momento per consegnare la spiaggia alla città) contribuiscono a dare un tocco strano, e posticcio, a questo luogo non luogo. 
 
I CINESI
Nonostante il nome altisonante che le è stato dato - e che sventola su tutte le bandiere piazzate lungo il ponte: Tiberis - e a dispetto dei vasi con gli alberi d’ulivo ancora da piazzare (ma i due campi di volley sono pronti) e le docce pure, lo stabilimento balneare artificiale non riesce a far dimenticare che qui, in questa spianata a ridosso del Cinodromo chiuso e del campo rom che gli sta accanto, venivano i cinesi a caccia di topi da cucinare. E qui si svolse anche la mitica partita di pallone, scapoli e ammogliati, nel film di Fantozzi. Ieri, è cominciata la processione dei curiosi, per vedere la nuova battigia che per ora è un’incompiuta. Primi commenti, di Walter, che viene da Acilia: «’Na poveracciata. Manco la piscina c’è».

Secondo commento, di Massimo: «Bravi, la stanno facendo a debita distanza dalla sponda del Tevere, perché chi lo tocca more». E c’è chi esulta: «La Raggi qualcosa se l’è ‘nventata!». E chi, ancora Massimo: «A me, me pare sempre la solita marana». In effetti, il tuffo pasoliniano di Accattone potrebbe replicarsi anche qui. Il bagno comunque è vietato. Stanno ripulendo l’area, ma prima di scendere dall’ingresso - dove un cartello avverte: Tiberis, orario 8-20, ingresso libero - sulla destra c’è robaccia e detriti vari. Per non dire dei piloni del ponte, vecchi e scarabocchiati, che fanno pena come sempre. Una signora che è venuta a curiosare assicura: «Di notte, dovranno difendere con i blindati e con la Celere questa spiaggia. Sennò, diventa un campo rom». E il marito: «Ma sempre a pensare male....Ci vuole ottimismo!».

Giusto. Ma chissà se poi arriveranno i venditori abusivi, i massaggiatori partenopei mascherati da polinesiani, i bibitari e tutto il resto, a meno che il decreto spiagge di Salvini contro i vu cumprà non sarà valido anche per le spiagge artificiali. Questa vorrebbe somigliare ai grandi lidi parigini sulla Senna o a quelli zurighesi. Ma il lido-marana di Marconi è un’altra cosa rispetto a questi esempi. Però è già qualcosa. Se avrà successo, l’assalto dei bancarellari è sicuro. Se invece, causa zanzare e pantegane, lo stabilimento sarà un flop, niente di eccezionale: ai flop siamo abituati. 

Se la desolazione è glamour (in tempi decrescita felice anche a questo si può arrivare), questo è un posto glamour. Basta che passino tanti ambulanti da cui poter comprare l’insetticida e il pesticida, strumenti fondamentali per godersi Tiberis. Dove magari si può rimorchiare. Il sommo Virgilio non sarebbe d’accordo, e infatti scriveva alla sua amata: «Non ti ammirerò presso il biondo Tevere adescare marinai, che sanno di salsedine». Ma coatti e coatte della poesia se ne infischiano. E sperano che la spiaggia sia pronta davvero, così esibiscono le loro (opinabili) bellezze e i loro tatuaggi. 
 

Ultimo aggiornamento: 10:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lo squillo di Vasco

di Marco Molendini