Accordo Lega-M5S: Salva-Roma addio, arriva il salva-tutti

Mercoledì 5 Giugno 2019 di Simone Canettieri e Lorenzo De Ciccco
5
Accordo Lega-M5S: Salva-Roma addio, arriva il salva-tutti

Sull’onda della tregua tra Lega e M5S sfuma l’ipotesi stralcio per il Salva-Roma, il provvedimento invocato dal Campidoglio per rinegoziare il debito storico con le banche ed evitare così il default delle casse capitoline nel 2022. Questa mattina sarà inserito in commissione congiunta Bilancio-Finanze di Montecitorio un emendamento dei relatori al Decreto Crescita, atteso venerdì alla Camera, dove avanza l’ipotesi del voto di fiducia. Allo stesso, tempo, passa però la linea-Salvini che equipara la Capitale alle altre amministrazioni italiane in dissesto: da Catania ad Alessandria. Ecco perché la norma frutto della mediazione sarà un Salva-Comuni, come sempre invocato e alla fine ottenuto dalla Lega. Il tutto al motto, in vecchio stile padano: «Nessun favoritismo per Roma».

Salva-Roma, dai nidi alla manutenzione stradale: tutti i servizi a rischio per la Capitale

Salva Roma, non c'è intesa: avanza l'ipotesi stralcio. Raggi: tagliate gli interessi
 


LE REAZIONI
La sindaca Virginia Raggi canta vittoria, anche se prima vuole leggere con attenzione la norma: «L’importante non sono i nomi, ma gli effetti che produrrà la legge: se le indiscrezioni saranno confermate alla fine potremo festeggiare una vittoria per tutti i romani». Una soddisfazione che arriva dopo l’irritazione della pentastellata nelle ultime ore contro i vertici del M5S che non riuscivano a uscire dallo stallo. Su questo dossier, come sugli altri. 
Dalle opposizioni non mancano le critiche e le rampogne. Da destra, Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera in quota Fratelli d’Italia stigmatizza il «pregiudizio anti romano derivato da una vecchia inaccettabile discriminazione di un partito regionalista e settentrionalista che non dovrebbe più aver ragione di essere». E aggiunge il braccio destro di Giorgia Meloni: «Per Di Maio e Salvini Roma è uguale a tutte le altre città, nessun paragone con ciò che Parigi, Londra e Berlino rappresentano per le rispettive nazioni». Anche da sinistra non mancano le critiche con il deputato di Leu Stefano Fassina, che è anche consigliere comunale in Campidoglio, nei confronti di «questo stupido braccio di ferro tra Lega e M5S».

IL REBUS COPERTURE
Al momento si cerca di capire la copertura dell’emendamento. Nel caso della Capitale, infatti, l’intervento non prevede fondi aggiuntivi, ma solo la possibilità per lo Stato di accollarsi parte del debito storico (12 miliardi accumulati prima del 2008), ma con le stesse risorse già stanziate dalla legge del 2009. L’operazione serve a evitare problemi di cassa tra il 2022 e il 2034. Le rate di questi anni «sarebbero insostenibili per lo stressato bilancio del Campidoglio, mentre diventano gestibili senza difficoltà per la tesoreria del Mef. La Lega di Salvini rimane la Lega Nord di Roma Ladrona?», si chiede retoricamente Fassina. Il problema appunto riguarda l’intervento dello Stato per agli altri comuni che si trovano in una situazione differente rispetto a Roma, anche perché non hanno una gestione commissariale del debito. Per loro ci sarà la possibilità di rinegoziare i mutui o avranno anche finanziamenti? Con quali costi?

LA FUMATA BIANCA
Anche se l’ultima parola ancora non è detta, la vicenda sembra comunque avviarsi verso una schiarita. Nata come una norma presentata dal viceministro grillino all’Economia Laura Castelli in Campidoglio con Virginia Raggi, alla fine è entrata nella campagna elettorale delle Europee. Tanto che prima del voto Matteo Salvini ha chiesto e ottenuto che venisse smontata, seppur già inserita nel decreto Crescita. In queste ultimi giorni, complici i venti della crisi imminenti, ha preso voce l’ipotesi di uno stralcio, così come richiesto dalla Lega. Uno scenario che ha mandato su tutte le furie Virginia Raggi. Ieri Di Maio ha commentato con i suoi, allineandosi con Salvini anche su questo argomento, che la norma inserita nel Decreto legge in conversione «non aiuterà Roma, ma tutti i comuni che sono in difficoltà di cassa». Per il leader M5S, visto il clima che si respirava fino all’altro ieri, è comunque una vittoria. Per Roma lo è un po’ meno.

Ultimo aggiornamento: 18:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vita spericolata di una mamma quando i figli sono in vacanza

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma