Roma, «Il primario? È in vacanza e il vice non c’è»: infermieri a gestire il caos pronto soccorso

Mercoledì 9 Agosto 2017 di Mauro Evangelisti
34
ROMA Il primario è in ferie, gli altri medici, dicono i familiari dei pazienti, sono introvabili, tutto sembra gestito da tirocinanti e infermieri. E le file vengono regolate dalle guardie giurate. Pronto soccorso dell’ospedale Sant’Andrea, periferia nord di Roma, il caos in pieno agosto. «La vede quella stanzetta? Sono una ventina, uomini e donne, tutti anziani, pochi centimetri a dividere le barelle. Restano lì per notte e giorni. Mia madre è disabile, non è autosufficiente, eppure gli infermieri non le hanno neppure cambiato il pannolone. Ci hanno detto: siamo in pochi. Ma l’umanità dovrebbe venire prima di tutto» racconta la figlia della signora Gloria, 64 anni, arrivata domenica notte al pronto soccorso dell’Ospedale Sant’Andrea. Martedì pomeriggio è ancora in attesa di un posto in reparto.

LA RESA
«Me la riporto a casa - spiega la figlia - peggio di qui non potrà stare». Oltre la porta, dove ci sono coloro che attendono di essere visitati o ricoverati, c’è un girone dantesco che non ti aspetti di vedere l’8 agosto. Invece i dati raccontano che si tratta di uno dei giorni con l’affluenza più alta dell’anno al Sant’Andrea. Di riflesso i reparti hanno meno posti letto a disposizione a causa delle ferie degli infermieri, anche il personale in pronto soccorso è ridotto. «Ma le ferie non possono essere una giustificazione - si arrabbia Domenico, che ha portato qui la moglie domenica sera - Invece neppure ti spiegano come sta il tuo familiare, le prime informazioni me le hanno date dopo 20 ore, le pare possibile?». Vicino una donna che ieri mattina ha accompagnato al Sant’Andrea il marito di 80 anni con 40 di febbre vuole chiamare i carabinieri. «Non ci dice niente nessuno». «Il primario è in ferie - spiegano altri - e tutto viene lasciato nelle mani dei tirocinanti, ci hanno detto». Il direttore del reparto, il dottor Enrico Ferri, in effetti è in ferie, spiega però che a guidare il reparto c’è la sua vice, Giovanna Morante, con cui però i familiari dei pazienti non riescono a parlare e si ha davvero la sensazione che tutto il carico di responsabilità ricada su pochi infermieri («ma i medici ci sono, i tirocinanti non possono restare soli», fa sapere il primario). Eppure, ci sarebbe bisogno di governare il caos. «Fatto sta che qui siamo abbandonati a noi stessi. Io so solo che per parlare con un medico ho dovuto aspettare ore e ore» ribatte Domenico.

DANNATI
Varchiamo di nuovo la porta, dopo l’accettazione, dove c’è la zona delle barelle. Qui dovrebbero restare i pazienti in attesa di essere visitati o sotto osservazione prima del ricovero. Ti aspetti ampi spazi, visto che stiamo parlando di un ospedale relativamente recente e di nuova concezione, invece metà di quell’area è stata chiusa, perché un gruppo di infermieri, esauriti i contratti per il Giubileo, non è stato sostituito. Così, i corridoi sono occupati dalle barelle, una dopo l’altra, fino ad arrivare allo stanzone dei più sfortunati, quelli che da giorni aspettano un ricovero; il più giovane ha 65 anni, una lettiga è affiancata all’altra, i parenti che vogliono restare vicini ai loro cari sono costretti a dormire sulle sedie. Fuori, in una sala di attesa molto affollata, si arriva al paradosso che le file sono regolamentate dalle guardie giurate. «Adesso vengono coloro che hanno bisogno di una visita al pronto soccorso» urla il vigilante. E chi è lì per un malanno o un problema, si mette in fila. «Adesso quelli che invece devono chiedere informazioni» e tocca a coloro che vorrebbero solo sapere se il familiare è stato ricoverato o è ancora nel girone dei dannati delle barelle.

LA LUNGA ATTESA
Ieri pomeriggio all'ospedale Sant'Andrea hanno contato 150 pazienti nelle ultime 24 ore, un dato simile ai giorni peggiori del 2016. Sulle barelle erano una trentina. Alle 15.30 un codice bianco (il caso meno grave) stava attendendo da sei ore e chissà quando è stato visitato. I codici verdi erano 12 e tra loro c'era chi stava aspettando da più di tre ore; i codici gialli (quindi di una certa gravità) erano sei, con attese fino a quasi un'ora. A guardare il tabellone c'è anche un operatore dell'ambulanza della Misericordia arrivato da Viterbo per trasportare un paziente: «Non ce ne possiamo andare fino a quando non ci restituiscono la barella», allarga le braccia, ma dopo un'ora è ancora lì. Ad aspettare. Scuote la testa Domenico: «Così va tutto a rotoli, non si può lasciare un pronto soccorso in queste condizioni a causa delle ferie». Ultimo aggiornamento: 10 Agosto, 08:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare e lavorare, vita da nomade digitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma