Va’ dove ti porta la bellezza Unesco: Sky Arte HD e Autostrade per l’Italia guidano alla scoperta dei nostri tesori

Giovedì 25 Gennaio 2018 di Eloisa Gallinaro
L’autostrada della bellezza torna in tv. Al via entro l’estate in prima serata su Sky Arte HD, la quarta edizione di Sei in un Paese meraviglioso, viaggio in una ventina di puntate attraverso i tesori d’arte e natura di un’Italia che non si conosce mai abbastanza. Saranno ancora Dario Vergassola e Veronica Gentili, collaudata e instancabile coppia di viaggiatori curiosi e ironici, a guidarci attraverso i siti Unesco di cui l’Italia è il Paese più ricco al mondo. Il programma è nato da un’idea di Francesco Delzio, direttore delle Relazioni esterne, affari istituzionali e marketing di Atlantia e di Autostrade per l’Italia, che ha trovato accordo in Roberto Pisoni, direttore di Sky Arte, su un format che punta a far conoscere le tante meraviglie facilmente raggiungibili attraverso la rete autostradale italiana ma, e non è scontato, non sempre così note.

SUCCESSO
Le premesse ci sono tutte perché la nuova edizione replichi e superi il successo della precedente - l’ultima delle 18 puntate è andata in onda a metà novembre - che ha fatto registrare un record di ascolti ed è stata lo scorso anno la serie più vista in prima serata su Sky Arte. Sei in un Paese meraviglioso ha un merito storico: è stata la prima serie sulla tv italiana ad occuparsi della riscoperta e della valorizzazione dei siti Patrimonio dell’Umanità. Ed è stata l’antesignana sulla tv satellitare di Meraviglie di Alberto Angela, in prima serata su Rai Uno con un titolo che riecheggia Sei in un Paese meraviglioso. 

Il programma su Sky Arte si sviluppa in tandem con l’iniziativa sulla rete, che Autostrade per l’Italia ha realizzato in collaborazione con la Commissione nazionale per l’Unesco e i ministeri dei Beni Culturali e dei Trasporti. Ai 100 pannelli in altrettante aree di servizio, vetrine dei capolavori del territorio italiano, si sono aggiunte 18 installazioni - che presto diventeranno 40 - che raccontano le bellezze dei siti Unesco più vicini alle autostrade, segnalati anche da cartelloni touring lungo la rete. Una guida preziosa per i 4 milioni di automobilisti che ogni giorno transitano sulle autostrade e che, come altri milioni di italiani, non conoscono così bene il nostro patrimonio artistico, identità e radici di tutti. Ma sono curiosi e pronti a mettersi in viaggio.

Un itinerario affascinante da Nord a Sud, da Ferrara città del Rinascimento (area di servizio Po ovest) ai Trulli di Alberobello (area di servizio Le Fonti ovest), passando per le Ville e i Giardini Medicei della Toscana (area di servizio Bisenzio est) e, nel Lazio, le Necropoli Etrusche di Cerveteri e Tarquinia (area di servizio Tirreno Ovest) o Tivoli e Villa D’Este (area di servizio Flaminia ovest).

UNICITÀ
Ma anche il centro storico di Urbino, Pienza, San Gimignano, e tanti altri che scopriremo una puntata dopo l’altra. Non c’è bisogno di presentazione per Pompei ed Ercolano, ma incredibilmente le indicazioni stradali per la sontuosa Reggia di Caserta, nota anche per essere stata uno dei set di Guerre Stellari, non erano così chiare. Fino a quando, grazie a un accordo tra Autostrade e il direttore della Reggia Mauro Felicori, non è stata realizzata una promozione ad hoc sull’autostrada e nelle aree di servizio vicine, costruendo anche un totem sulle iniziative della Reggia ma anche rifacendo la cartellonistica sulle statali e provinciali della zona. Un esperimento di successo che in molti vorrebbero replicare. 

E Autostrade oggi è sommersa da richieste di sindaci, assessori e Pro Loco per inserire i tesori nascosti dei borghi nel Progetto Sei in un Paese Meraviglioso, puntando su un turismo di qualità che decongestioni le grandi città d’arte e valorizzi il grande patrimonio diffuso nella provincia italiana. Ad entusiasmarsi è stata anche l’Ambasciata d’Italia in India che nei prossimi mesi, per celebrare i 70 anni delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi, ha in programma di allestire una mostra evento con un percorso fotografico collegato al progetto.

Entro il 2030, secondo l’Unesco, il numero di turisti in arrivo in Europa potrebbe raddoppiare arrivando a 2 miliardi di persone. Un’opportunità che il Bel Paese, con i suoi 53 siti inseriti nella lista dei Patrimoni mondiali dell’umanità, può sfruttare grazie anche a questa iniziativa che Autostrade presenta nel suo sito www.autostrade.it. E con l’app My Way è ancora più facile scoprire le eccellenze dell’arte e della cultura italiana. 
Ultimo aggiornamento: 27 Gennaio, 09:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA