In Italia bocciato per condotta soltanto lo 0,1% degli studenti

di Mauro Evangelisti
Lo 0,1 per cento. Questa percentuale aiuta a capire perché ogni giorno c’è un insegnante umiliato, minacciato, perfino colpito, immancabilmente filmato, senza che il sistema scuola dia una risposta credibile. Lo 0,1 per cento rappresenta gli studenti che hanno ricevuto il 5 in condotta, che significa bocciatura a fine anno. Su 1,9 milioni studenti delle superiori (la statistica del Miur comprende gli iscritti dal primo al quarto anno), solo 1.835 sono stati sanzionati con il 5 in condotta nell’anno scolastico...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 20 Aprile 2018 - Ultimo aggiornamento: 20:05

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2018-04-20 20:53:40
La condotta non puo' alterare il rendimento scolastico di ogni studente, deve essere soltanto di natura disciplinare con la sanzione o il provvedimento di espulsione temopranea. E' difficile esigere un comportamento esemplare se vivi in una sistema marcio, innanzi tutto la scuola deve essere un valido punto di riferimento per la crescita morale e culturale di ogni studente.
2018-04-20 20:52:42
caro ministro, hai sentito cosa dice nell'intervista il preside? esattamente il contrario di ciò che dice lei. le sospensioni (e quindi la non ammissione agli scrutini) non servono a nulla, occorre recuperarli e bla,bla,bla. e tale tipo di risposta non è una novità. è la risposta standard che da questi burocrati post berlingueriani viene data ai docenti che si rivolgono a loro per chiedere cosa fare di fronte a delinquenti conclamati. la parola d'ordine è minimizzare. ne va del buon nome della scuola. è capitato anche che ci fosse insofferenza (e talvolta ritorsioni) verso docenti che credevano in (superati) principi di autorità (non autoritarismo) e che volevano evitare atti di emulazione. quindi, caro ministro, la invito a chiarire il suo vero pensiero (ciò che ha detto oggi è parecchio in contrasto con il buonismo e le promozioni obbligatorie di qualche mese fa) ed a chiarirlo ai suoi dipendenti.
2018-04-20 16:57:35
Faccio presente ai signori AVIATORE03, ANCOMARZIO1978, ROBERTO20, ed altri, che l'attuale situazione della scuola italiana e' il frutto di almeno 40 anni di degrado sociale di cui noi persone piu' anziane siamo stati protagonisti o colpevoli spettatori. Ai miei tempi bastava una parolaccia in classe per rimediare un 7 in condotta e l'automatica perdita dell'anno scolastico. Il preside del mio istituto tecnico esigeva un abbigliamento acconcio (erano persino vietati i jeans) ed un comportamento educato e rispettoso verso la classe insegnante, e chi non vi si adeguava veniva espulso dall'istituto. E non c'erano TAR di sorta a difendere i delinquenti in erba.
2018-04-20 16:23:07
Leggo dei post che fanno rabbrividire.. Post all'italiana,dell'italiano medio, molto sconcertante e molto sconfortante, dove la colpa degli errori dell'individuo:, del ragazzotto educato male o mai educato, del tizio che passa con il rosso,di quello che passa davanti agli altri nella filla alla posta,, che n on paga il biglietto del bus perchè tanto tutti fanno così, che scarica la spazzatura in strada dove capita, che fuma dove non si potrebbe, del padre che va a prendere a ceffoni il suo piccoletto diciassettenne, è sempre e soltanto colpa dei politici e della società. Volete fare un bella cosa, per capire di chi è la colpa di tutte le cose che non vanno in Italia e dei peggiori mali italiani? ognuno di voi prenda uno specchio bello grande e ci guardi dentro: ci vedrete uno dei tanti veri colpevoli.
2018-04-20 16:08:39
Ma una ministra bugiarda che si è autolaureata,che vieta le bocciature,che permette i cellulari in classe asserendo che servono allo sviluppo del ragazzo,non tenendo conto che stanno già dieci ore su internet è degna di qualche carica pubblica?? Io rispondo di no,Renzi che voleva rottamare gli anziani e non l'ha fatto con la Fedeli è stato duramente punito.La nostra battuta a Pisa dal centro -destra nell''uninomimale si è salvata ,fortunosamente con il paracadute tenuto conto della sua veneranda età.
QUICKMAP