CORONAVIRUS

Coronavirus, oggi il maxi-decreto da 80 miliardi, arriva il fondo per le statalizzazioni

Mercoledì 22 Aprile 2020 di Andrea Bassi
1
Coronavirus, oggi il maxi-decreto da 80 miliardi, arriva il fondo per le statalizzazioni

Dopo i 20 miliardi di marzo, il governo chiederà al Parlamento di poter fare altri 50 miliardi di deficit. Soldi necessari per finanziare il nuovo decreto legge di sostegno a un’economia annichilita dal lockdown per coronavirus e dalla chiusura delle imprese, con l’Ufficio parlamentare di bilancio che stima una perdita del Pil del 15% nel semestre.

Coronavirus, app Immuni: come funziona, quali informazioni può captare e chi può vedere i dati. Le risposte
Dl Cura Italia, Patuanelli emana direttiva sui 400 milioni di euro per Contratti di Sviluppo

La richiesta di sforamento del deficit sarà deliberata oggi dal consiglio dei ministri, insieme all’approvazione del Def, il documento di economia e finanza che preannuncia un 2020 da incubo. Il Pil crollerà a fine anno dell’8%, e il deficit salirà a una cifra analoga. Il debito è destinato a superare il 155% del Pil. Proprio per provare ad arginare questo scenario catastrofico, il governo metterà sul piatto altri 80 miliardi di euro: 50 di maggior deficit, ai quali si aggiungono 30 miliardi di garanzie e di finanziamenti per la Cassa Depositi e Prestiti che non rientreranno nel deficit.
 

Proprio qui sta una delle novità del prossimo provvedimento. Il governo darà al gruppo guidato da Fabrizio Palermo munizioni sufficienti (la cifra che gira è una quarantina di miliardi) a salvare e proteggere le imprese strategiche nazionali. La Cassa potrà entrare nel capitale dei gruppi considerati essenziali per tenere salda l’ossatura economica del Paese, anche procedendo a nazionalizzazioni temporanee. 

Un meccanismo reso possibile oggi dall’allentamento sulle regole degli aiuti di Stato e da quelle di Eurostat che altrimenti avrebbero imposto al governo di contabilizzare il debito del risparmio postale nei conti pubblici.

Il modello, del resto, è quello della Kfw tedesca, alla quale Berlino ha messo a disposizione 100 miliardi per proteggere le imprese. Già con il decreto sulla liquidità, approvato una decina di giorni or sono, erano stati allargati a dismisura i poteri speciali del Tesoro per proteggere le imprese strategiche, prevedendo anche la possibilità di difendere i gruppi da scalate ostili europee e non solo da quelle extracomunitarie. C’è poi il capitolo delle garanzie alle imprese. 

Alle banche le domande di prestiti con la copertura pubblica stanno arrivando copiose. Ma i due fondi che devono concedere le garanzie, quello del Mediocredito Centrale e quello della Sace, hanno risorse insufficienti per rispondere a tutte le domande. Per questo saranno stanziati altri 30 miliardi. Le imprese, tuttavia, non otterranno solo prestiti. Arriveranno anche dei contributi a fondo perduto per quelle medio piccole che hanno subito perdite di fatturato superiori al 50%.

I meccanismi sono ancora allo studio. Il ministero dello Sviluppo propende per aiuti monetari, il Tesoro preferirebbe sconti sulle tasse e aumento delle compensazioni fiscali. Rimane anche l’ipotesi di permettere a chi riceverà i 25 mila euro garantiti dallo Stato di scomputare dalle rate del prestito quanto pagato per gli affitti. C’è poi il capitolo degli aiuti al lavoro e alle varie categorie. Ieri il ministro Nunzia Catalfo ha ribadito che ci sarà il rifinanziamento di tutti gli ammortizzatori sociali già previsti a marzo - compreso l’indennizzo per partite Iva, autonomi e stagionali che da 600 passerà a 800 euro e sarà pagato in automatico per due mensilità. Ci sarà l’ampliamento dei congedi parentali per i genitori con figli e un’indennità per i lavoratori domestici (colf e badanti), che potrebbe essere tra i 400 e i 600 euro. 

IL CAPITOLO
L’altro capitolo è quello del Reddito di emergenza. L’intenzione sarebbe quella di riconoscere un assegno tra i 500 e gli 800 euro a seconda della composizione del nucleo familiare. Lo stanziamento, come ha spiegato due giorni fa in Parlamento il presidente dell’Inps Pasquale Tridico, sarebbe di 2 miliardi di euro e coprirebbe 3-3,5 milioni di beneficiari. Complessivamente il valore delle misure di sostegno al reddito, compresa la Cassa integrazione, avrebbe un costo per lo Stato di 25-30 miliardi di euro. 
 

Ultimo aggiornamento: 16:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA