ROMA

Roma, lo scandalo di Buca Capitale: fondi dirottati su altre spese

Martedì 17 Settembre 2019 di Lorenzo De Cicco e Giuseppe Scarpa
18
Lo scandalo di Buca Capitale. fondi dirottati su altre spese

I soldi delle multe ai romani, che in teoria dovrebbero essere sfruttati, almeno in larga parte, per mettere in sicurezza le strade slabbrate e divorate dai crateri, finiscono invece per finanziare tutt’altro: «arredi», «accessori per uffici», «cancelleria per la polizia locale», «musei, mostre e pinacoteche», addirittura «generi alimentari». Una carrellata di anomalie finite ora al vaglio della Procura di Roma, che ha deciso di aprire un’inchiesta dopo un esposto presentato dal Codacons.

Roma, finisce in coma per una buca riparata male: denunciata la ditta

Calciatori della Roma vittime delle buche a Trigoria: auto ko per Dzeko e Perotti

Il dossier è sulla scrivania del pm Antonia Giammaria. Si indaga per falso, ma il quadro accusatorio potrebbe cambiare e arricchirsi di nuove ipotesi di reato se le indagini, affidate alla Guardia di Finanza, dovessero portare ad altri, inquietanti riscontri. Il sospetto, in ogni caso, è che negli atti del Campidoglio qualcosa non torni; che insomma i fondi per la lotta alle buche - eterna, dilagante piaga Capitale - vengano stornati altrove e investiti in voci di spesa che con l’asfalto e i sampietrini malmessi hanno poco o nulla a che vedere. Nelle carte consegnate agli inquirenti si parla anche di lavori fantasma, annotati nei documenti dei Municipi ma mai realizzati. O di rattoppi marchiani, spruzzate di bitume eseguite tutto fuorché «a regola d’arte» come invece dovrebbe essere. Il sentore è che chi avrebbe dovuto vigilare sugli interventi di manutenzione non lo abbia fatto o abbia controllato in modo lasco.
 

LE NORME
Il Codice della strada parla chiaro e prevede che i fondi incassati dagli enti locali con le multe, vengano perlopiù reinvestiti nella manutenzione e in progetti di sicurezza stradale. Il Campidoglio ogni anno può contare su un discreto bottino, anche perché da qualche tempo ormai si punta forte sulle “multe a strascico”, i verbali ottenuti con le tecnologie di ultima generazione, vedi lo Street Control montato sul tettuccio delle autopattuglie. Solo nei primi sei mesi dell’anno, gli agenti della Municipale hanno registrato 1 milione e 100mila infrazioni, il 10% in più rispetto allo stesso periodo del 2018. Addirittura i verbali per la sosta selvaggia sono cresciuti del 40%, si è passati dalle 286.287 multe dell’anno scorso alle 401.407 del primo semestre 2019. Giusto “fare cassa” se si mette nel mirino l’inciviltà di certi automobilisti, o se si punisce la guida spericolata, ma a patto che poi, come prevede la legge, quanto incamerato venga impiegato per frenare l’avanzata di voragini e crateri. Invece non sembra che le cose vadano sempre così. Intanto perché spesso il Campidoglio non riesce nemmeno a spendere quanto stanziato. Per dire, nel 2016, a fronte di 348 milioni impegnati nel bilancio dai «proventi per le contravvenzioni alle norme della circolazione stradale», sarebbero stati spesi solo 108 milioni. Nel 2017, l’amministrazione aveva impegnato 355 milioni, ma sarebbero stati spesi solo 157 milioni. Leggendo poi l’elenco delle «spese finanziate dai proventi delle contravvenzioni», vengono fuori voci che non sembrano proprio in linea con la mission principale, cioè la guerra ai crateri. Solo a spulciare i documenti contabili degli ultimi 3 anni, spunta il pagamento di «accessori per uffici e alloggi», «manutenzione di beni mobili e arredi», «carta e cancelleria» per i vigili urbani, «generi alimentari per la Protezione Civile»; «musei, mostre e pinacoteche».

L’INDAGINE
Su queste e altre voci si concentrerà il lavoro degli inquirenti, ai quali è stato spedito anche un elenco di lavori malfatti o fantasma, mai realizzati. Col risultato che marciapiedi, vie e piazze della Capitale continuano a sgretolarsi e a trasformarsi in spossanti percorsi a ostacoli. «Il punto - dice Carlo Rienzi, il presidente del Codacons - è che non solo l’amministrazione lascia le strade in condizioni oscene, ma sembra che nessuno in Campidoglio controlli che i soldi destinati ai municipi per la manutenzione siano utilizzati come prevede la legge. Per questo siamo pronti a presentare una nuova denuncia per omissione di controllo». Lo scotto del disastro manutentivo, rimarca l’associazione dei consumatori, lo pagano i romani, «costretti a subire lo stato pietoso dell’asfalto, mentre tanti anziani e disabili rimangono in casa per paura di capitolare in una buca».

Ultimo aggiornamento: 16:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma