L’avvertimento di Madrid dopo Aquarius: ai prossimi sbarchi dovrà pensare l’Europa

di Paola Del Vecchio
MADRID Un elettroshock alla coscienza d’Europa, che non può girare lo sguardo altrove davanti ai morti annegati, la decisione personale del premier Pedro Sanchez di accogliere a Valencia l’Aquarius, col suo carico di vite. Ma a 1.500 km di distanza la Spagna non può essere la soluzione, così come non può esserlo nessuno dei Paesi del sud d’Europa lasciato solo. E se Italia e Malta sceglieranno di mantenere chiusi i porti, la decisione riguarderà non solo il vicino Mediterraneo, ma...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 14 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 07:40

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-06-14 11:17:32
perchè madrid non si trova in europa?
2018-06-14 09:47:24
Come mai ora deve pensarci l'Europa ? Prima no ? Ora che sentono odore di sbarchi tutti ad invocare l'Europa, che ipocriti.
2018-06-14 08:08:41
bravo salvini, per essere un leghista (ex spero) hai gli attributi. Italia una e indivisibile. Tanti saluti ai bossi e ai vetero razzist-fregati-leghisti.
2018-06-14 07:47:13
Gli spagnoli hanno accolto UNA nave di migranti e si sono già stufati! Pensa te!
2018-06-14 06:09:06
Se i nostri attuali governanti continuano cosi, possiamo finalmente dire..: FINALMENTE AL POTERE SONO STATI ELETTE GENTE CON LE PALLE!!!
5
  • 1,7 mila
QUICKMAP