Tragedia di Jesolo. Giovanni, il calcio e il lavoro all'Outlet di Noventa. Le urla dei genitori squarciano la notte

Lunedì 15 Luglio 2019
Jesolo incidente in auto. Giovanni Mattiuzzo, morto insieme agli amici

MUSILE DI PIAVE (VENEZIA) - La sua grande passione era il calcio. Giovanni Mattiuzzo, che a dicembre avrebbe compito 23 anni, era stato uno dei primi ad aderire alla squadra di calcio a cinque Sporting Musile dove giocava come centrocampista ed era un protagonista, la punta della squadra. In passato aveva vestito le maglie del Passarella e del Città di Musile: un infortunio lo aveva allontanato dai campi, ma lo scorso anno si era gettato nella nuova avventura sportiva, diventando una colonna portante della rosa. In segno di lutto la società ritirerà la maglia numero 10, indossata da Mattiuzzo nel precedente campionato. Giovanni abitava in via Bellini, a Musile di Piave. I vicini di casa sono stati svegliati nella notte dalle urla strazianti dei genitori: il padre Mario, autista in pensione di Atvo, l'Azienda dei trasporti del Veneto orientale; la madre Angela e la sorella Elisa. Lavorava all'Outlet di Noventa, con l'incarico di vice store manager del punto vendita di abbigliamento Refrigiwear. 
 
«ERA IL PIÙ FORTE»
Tifoso del Milan (in particolare ammirava il portoghese Rui Costa) amava trascorrere il tempo libero agli impianti sportivi: «Era uno dei migliori spiega il presidente dello Sporting Musile, Andrea Segato Un trascinatore sia in campo sia negli spogliatoi. Siamo molto addolorati». «Abbiamo perso un ragazzo eccezionale gli fa eco l'allenatore, Domenico De Caro - Era il più forte ed il primo ad arrivare agli allenamenti. Lo scorso anno, il primo dall'iscrizione, anche grazie al suo apporto abbiamo vinto il campionato. Era diventato un faro per i compagni. So che era anche molto contento per essere diventato zio circa otto mesi fa».  «Ho perso un compagno di tante battaglie aggiunge il compagno di squadra Luca Ilmi - Giovanni era attento e ascoltava tutti, sempre concentrato, in gara si comportava in modo corretto ma metteva anche una buona dose di tenacia. Era serio nel gioco come nella vita: ci mancherà».
d.deb.

Ultimo aggiornamento: 13:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma