Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Furti nelle case con segnalazioni solo sui social, il sindaco insiste: «Occorrono denunce»

La sindaca insiste: «Occorrono denunce»
3 Minuti di Lettura
Martedì 25 Gennaio 2022, 12:56

PAESE - Caricano sui social una serie di foto relative a furti o tentati furti nelle case. Ma non denunciano l’accaduto né alla polizia locale né, almeno fino a ieri, alle forze dell’ordine. «Invece è fondamentale segnalare e denunciare -avverte il sindaco Katia Uberti - anche i tentati furti o i movimenti sospetti. A volte lo si dice su Facebook e basta. Ma così non funziona».

L’ultimo caso in ordine di tempo ha riguardato la zona della frazione di Castagnole. Nei giorni scorsi un residente ha condiviso su Facebook addirittura le immagini registrate da una telecamera di videosorveglianza. Nelle quali si vedevano due persone con il cappuccio calato in testa mentre si aggiravano poco dopo le 18 nel giardino di un’abitazione. «Diverse case sono state visitate dai ladri -si leggeva nel post- le uniche informazioni che abbiamo è che si tratta di tre individui incappucciati, che sono stati sentiti parlare in una lingua straniera. Molto probabilmente fanno parte di una banda più grande che ha agito su altre case».

NESSUNA CHIAMATA
A quell’ora sono in servizio anche gli agenti della polizia locale. Neppure loro, però, hanno ricevuto una segnalazione. E ci potrebbero essere molti altri esempi riguardanti fatti più o meno eclatanti. «Le cose non si risolvono all’istante -sottolinea il sindaco Uberti- ma un controllo del territorio sempre più puntuale non può che passare per le segnalazioni». «Oggi mi capita di chiedere se ci sono stati furti o tentati furti, e dove, perché vediamo post e commenti sui social -aggiunge il primo cittadino- non è pensabile che uno debba monitorare pure i social. Questo non facilita un compito che è già complesso». Per quanto riguarda la polizia locale di Paese, al momento sono previsti pattugliamenti fino a sera. Anche alla luce di queste situazioni, però, il Comune sta valutando la possibilità di avviare una serie di controlli a rotazione nelle ore notturne. Il programma è sostanzialmente già definito. «Noi facciamo tutto il possibile per cercare di aumentare in modo costante il controllo del territorio -conclude Uberti- ma è necessario che tutti ci diano una mano segnalando le cose che non vanno e i movimenti sospetti alle forze dell’ordine. Non solo i furti messi a segno, ma pure i tentativi andati fortunatamente a vuoto. Questo a livello generale ci permetterebbe di avere delle conoscenze ancora più precise e di lavorare sull’organizzazione dei controlli muovendoci di conseguenza».

(mf)

© RIPRODUZIONE RISERVATA