Processo contro le agenzie di rating, pm Trani: condannare analisti S&P, abbiamo bazooka fumante

Venerdì 20 Gennaio 2017
2
La procura di Trani ha chiesto la condanna per manipolazione del mercato a 2 due anni di reclusione e 300 mila euro di multa per Deven Sharma, all'epoca dei fatti presidente mondiale dell'agenzia di rating Standard & Poor's (S&P), e a 3 anni di reclusione ciascuno e 500 mila euro di multa per gli analisti Yann Le Pallec, responsabile per l'Europa, e Eileen Zhang, Franklin Crawford Gill e Moritz Kraemer. Per la società S&P è stata chiesta poi la condanna alla sanzione pecuniaria di 4,647 milioni di euro.

Le richieste di condanna sono state avanzate davanti al Tribunale di Trani (presidente Giulia Pavese) nella requisitoria del pm Michele Ruggiero al processo per manipolazione del mercato a carico di cinque tra analisti e manager di Standard & Poor's e della stessa società di rating, imputata in base alla legge sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche. Sono parti civili Federconsumatori, Acu, Adusbef e alcune decine di consumatori. Gli imputati - ha ricordato il pm all'inizio della sua discussione - sono accusati di aver fornito «intenzionalmente» ai mercati finanziari - tra maggio 2011 e gennaio 2012 - quattro report contenenti informazioni tendenziose e distorte sull'affidabilità creditizia italiana e sulle iniziative di risanamento adottate dal governo per «disincentivare l'acquisto di titoli del debito pubblico italiano e deprezzarne così il valore».

L'ultimo report sotto accusa è quello con cui S&P, il 13 gennaio 2012, decretò il declassamento del rating dell'Italia di due gradini (da A a BBB+). Gli altri tre report sono: il taglio dell'outlook del debito sovrano italiano da stabile e negativo (20 maggio 2011); la diffusione della nota (primo luglio 2011) contenente valutazioni negative sulla manovra finanziaria correttiva del Mef; e il credit watch negativo sull'Italia (5 luglio 2011). 

Nel 2011 l'Italia «stava messa meglio di tutti gli altri» Stati europei, ma da parte di S&P c'è stata «la menzogna, la falsificazione dell'informazione fornita ai risparmiatori» mettendo così «in discussione il prestigio, la capacità creditizia di uno Stato sovrano come l'Italia», ha detto il pm Ruggiero.

Secondo il pm con la sua mail il manager di S&P Alessandro Panichi «non ci ha dato la pistola fumante, ma il bazooka fumante» perché sia con quello scritto sia con la sua deposizione in aula, «ha affondato la sua società e ha fatto gli interessi dei risparmiatori». «Dare questi fati falsi - ha detto il pm - è da criminali».

La pubblica accusa ha ricordato che il giorno in cui Standard & Poor's declassò l'Italia, il 13 gennaio 2012, esprimendo giudizi negativi anche sulle banche,il responsabile per gli istituti di credito di S&P, Renato Panichi, inviò una mail agli autori del report contestando loro di aver espresso giudizi contrari alla realtà sul sistema bancario. A giudizio della pubblica accusa, la mail è una prova determinante sulle condotte illecite contestate agli imputati, accusati di manipolazione del mercato.

Nella mail interna Panichi scrive ai due imputati Eileen Zhang e Moritz Kraemer e contesta al primo che «non è giusto» scrivere nel rapporto sull'Italia «che c'è un elevato livello di vulnerabilità ai rischi di finanziamenti esterni. Attualmente - sottolinea - è proprio il contrario, uno dei punti di forza delle banche italiane è stato proprio il limitato ricorso/appello ai finanziamenti esterni o all'ingrosso». La missiva si conclude con un invito esplicito: «Per favore rimuovi il riferimento alle banche!». Durante la sua deposizione in aula nei mesi scorsi, l'imputato Moritz Kraemer ha spiegato ai giudici che la mail «ha un contenuto non corretto perché chi l'ha scritta, Renato Panichi, è un analista bancario che non ha visto l'analisi sul rating dello stato sovrano», che segue criteri diversi da quelli sul rating delle banche, e che «faceva riferimento ai soli dati delle banche».

La conversazione telefonica, intercettata durante le indagini, tra l'allora numero uno per l'Italia di S&P, Maria Pierdicchi, e Deven Sharma, all'epoca dei fatti presidente mondiale dell'agenzia di rating, «è la confessione del comportamento criminoso di S&P sul doppio downgrade dell'Italia» (da A a BBB+) del 13 gennaio 2012, ha sottolineato ancora il pm di Trani.

La pubblica accusa ha ricordato che nella telefonata Pierdicchi dice che «alcuni analisti (di S&P, ndr) non hanno le capacità adeguate per poter gestire il rating sovrano dell'Italia» e ritiene che «ci sia bisogno di persone più senior». «Questa - ha insistito il pm - non è la pistola fumante, è un bazooka fumante che si salda con la mail di Renato Panichi».

«Nessuna di queste accuse è stata dimostrata da prove degne di questo nome. Nessun testimone, nemmeno quelli dell'accusa, hanno mai avvalorato queste tesi», afferma S&P in una nota. «Le udienze - continua la società - hanno ripetutamente dimostrato che le analisi di Standard & Poor's sono state coerenti con le valutazioni pubblicate dalla Banca d'Italia e dalle maggiori istituzioni sovranazionali, e più volte hanno mostrato la solidità dei nostri processi di rating».

«Le accuse contro Standard & Poor's - conclude la nota - si basano su una cattiva interpretazione del normale dibattito analitico, fondamentale per il nostro processo di rating, e da una visione revisionista delle difficoltà macro-economiche in cui versava l'Italia durante la crisi dei paesi dell'Unione Europea. Siamo fiduciosi che la Corte ci darà ragione, scagionando S&P e i suoi dipendenti». 


  Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio, 14:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma