Uomo suicida a Napoli: era un vigile urbano, si è sparato con la sua pistola. Aveva 52 anni

Venerdì 25 Ottobre 2019

All’alba di oggi i carabinieri della Stazione Chiaia sono intervenuti in via Cesario Console per il suicidio di un uomo. Sul posto si è appurato che si tratta di A. M. di anni 52, agente in servizio della Polizia Municipale di Napoli che si è tolto la vita con un colpo di pistola. Non si conoscono le cause dell'insano gesto.

LEGGI ANCHE Napoli, dramma sfiorato al Centro Direzionale: giovane minaccia il suicidio da 15 metri

Il Comando della Polizia Locale  e tutti gli operatori sono vicini alla famiglia del collega scomparso che da una decina di giorni, su sua richiesta, era in servizio presso l'Unità Operativa di Palazzo San Giacomo.

LEGGI ANCHE Quota 100 svuota i comuni, vigili spostati in uffici nel Napoletano

«Sottoporremo gli agenti a specifiche valutazioni che verranno introdotte a breve». Lo annuncia il comandante della Polizia Municipale di Napoli, generale Ciro Esposito, commentando il suicidio di un agente che si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola alla testa. «Ai nostri agenti verrà chiesto di sottoporsi al test Minnesota Multiphasic Personality Inventory, il più diffuso tra quelli che vengono adoperati per valutare le caratteristiche della personalità». Si tratta di una specifica valutazione adottata anche in psicologia e psichiatria. Secondo quanto si è appreso i motivi che hanno spinto l'agente a togliersi la vita non sarebbero riconducibili all'ambiente lavorativo. Da poco aveva ottenuto un trasferimento da lui stesso chiesto a un altro drappello. 
 

 

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo è stato trovato seduto sulla statua di Augusto nei giardinetti di via Cesario Console la mattina di venerdì. Una birra era poggiata sul marmo lì vicino, la pistola invece era caduta un paio di metri più avanti al corpo. A trovarlo i netturbini poco prima dell’alba, che hanno dato l’allarme ai carabinieri. 

Ultimo aggiornamento: 19:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA