Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, arrestato narcos diretto in Germania: trasportava 87 ovuli di cocaina nell'addome

Napoli, arrestato narcos diretto in Germania: trasportava 87 ovuli di cocaina nell'addome
2 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Agosto 2021, 09:39 - Ultimo aggiornamento: 15:41

I finanzieri della compagnia di Capodichino e i funzionari dell’ufficio Adm di Napoli I, nell’ambito della costante attività di prevenzione e repressione di traffici illeciti, hanno arrestato, per traffico internazionale di sostanze stupefacenti, un corriere di origine congolese che stava tentando di introdurre in Italia 1,5 kg di cocaina con la tecnica dei body packers.

Il 45 enne, giunto a Napoli con un volo proveniente da Johannesburg (Sud Africa) con scalo a Francoforte (Germania), stava per lasciare l’aeroporto quando i militari della compagnia della guardia di finanza di Capodichino e i funzionari Adm della sezione operativa territoriale omonima lo hanno fermato e sottoposto a controllo in sala arrivi. 

Insospettiti dalle generiche spiegazioni ricevute circa le ragioni del viaggio e dall’evidente nervosismo dell’arrestato, gli addetti ai controlli hanno accompagnato il viaggiatore all’Ospedale del Mare dove l’esame radiografico ha rivelato la presenza nell’addome di 87 ovuli di cocaina

Video

L’odierna operazione conferma come le organizzazioni criminali continuino ad avvalersi di corrieri che occultano stupefacenti nel proprio corpo, in involucri precedentemente ingeriti  (da qui il nome di ovulatori o bodypackers), ovvero all’interno del bagaglio a seguito, così come emerge, tra l’altro, anche dall’ultimo rapporto annuale della direzione centrale per i servizi antidroga del Ministero dell’Interno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA