Bimbo ammazzato di botte dal patrigno nel Napoletano, arrestata anche la mamma: «Ha pulito le tracce di sangue»

Giovedì 11 Aprile 2019 di Marco Di Caterino

La polizia ha arrestato la mamma di Giuseppe Dorice, il bambino di sei anni ucciso a botte dal suo convivente Tony Badre, già finito in carcere. Gli agenti hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta dal Gip del tribunale di Napoli Nord su richiesta della Procura di Napoli Nord.

Il pubblico ministero Paola Izzo ha ipotizzato il reato di concorso in omicidio aggravato dalla crudeltà e dall’abuso delle relazioni familiari. La donna, Valentina Casa, è stata arrestata a Massa Lubrense, dov'era ritornata dopo quella tragica domenica del 27 gennaio scorso.

«La donna destinataria della ordinanza, di anni 30, residente a Massa Lubrense, è gravemente indiziata dei reati di omicidio aggravato dai futili motivi, dalla crudeltà e dall’abuso delle relazioni domestiche, nei confronti del figlio Giuseppe, di tentato omicidio aggravato dalle medesime circostanze nei confronti della figlia N. e di maltrattamento aggravato nei confronti dei tre figli - i legge nella nota della Procura guidata da Francesco Greco - in particolare, secondo l’ipotesi accusatoria, avvalorata dal Giudice per le indagini Preliminari, è emerso che la donna, venendo meno a un suo preciso dovere, rimaneva inerte mentre il compagno colpiva con efferata violenza i suoi figli: non interveniva a fermare la furia omicida del compagno, non invocava l’aiuto dei vicini, non contattava i servizi di emergenza delle forze dell’ordine. L’indagata, secondo la ricostruzione investigativa, provava invece a ripulire il sangue uscito dalle ferite dei figli con dei teli lasciati in bagno, occultava all’interno della pattumiera le ciocche di capelli strappate dal compagno alla figlia e, all’atto di intervento degli operanti, non riferiva immediatamente che Tony era stato l’autore di quello scempio, negava piuttosto la violenza già perpetrata all’indirizzo dei bambini».

La condotta della donna, e quella del compagno, sono state ricostruite attraverso una complessa attività investigativa, che si è articolata in plurimi accertamenti di natura tecnica, innanzitutto di tipo medico-legale, che hanno accertato come la violenza dei colpi inferti ai bambini fosse risultata idonea a cagionare il decesso di Giuseppe e l’esposizione ad imminente pericolo di vita della figlia primogenita. Anche i medici del presidio ospedaliero Santobono, che hanno prestato i primi soccorsi alla piccola N., hanno certificato la assoluta gravità delle lesioni da lei riportate alla testa ed al volto. 

«L’inerzia della donna rispetto all’omicidio del figlio Giuseppe ed al tentato omicidio della figlia N. ad opera del compagno si unisce alla tragica storia di maltrattamenti che andava avanti da tempo - si legge ancora nel comunicato della Procura - nel corso delle indagini, infatti, sono state raccolte le dichiarazioni dei vicini di casa degli indagati e quelle delle insegnanti dei bambini, che hanno riferito delle evidenti ecchimosi e delle molteplici tumefazioni, frequentemente notate sul volto e sul corpo dei bambini. È stato anche riferito che i minori apparivano poco curati, completamente abbandonati a sé stessi, costretti a non intrattenersi a giocare nel cortile di casa con i coetanei e a non parlare con i vicini».
 

Ultimo aggiornamento: 23:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Davide si è inventato un lavoro: proteggere i gatti sui balconi di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma