Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Zurigo, terrapiattista No vax rapisce l’esperto dei vaccini: ucciso dalla polizia
(insieme alla fidanzata)

Zurigo, terrapiattista No vax rapisce l’esperto dei vaccini: ucciso dalla polizia (insieme alla fidanzata)
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Aprile 2022, 09:02 - Ultimo aggiornamento: 13:37

Avrebbe rapito l'esperto di vaccini per alcune ore. Un tedesco di 38 anni è morto morto mercoledì sera a Wallisellen, vicno Zurigo in uno scontro a fuoco con la polizia, nel quale ha perso la vita anche la sua compagna. L'uomo aveva rapito la settimana scorsa il presidente della Commissione federale delle vaccinazioni (CFV) Christoph Berger. Il rapimento, secondo alcune fonti di stampa risalirebbe al 31 marzo scorso, ma non si sa esattamente dove sia successo. Il presunto autore, che risiedeva proprio a Wallisellen, avrebbe tenuto prigioniero per ore Berger, minacciandolo con un'arma e poi liberandolo la sera stessa. La polizia ha confermato che il tedesco è coinvolto in questo episodio, ma non ha fatto nomi né tanto meno menzionato il presidente della CFV. Il ministero pubblico zurighese non ha voluto né smentire né confermare questa ricostruzione e neppure Berger ha commentato. Il movente sarebbe ancora ignoto. Quello che si sa è che il tedesco era un fan delle armi da fuoco e si allenava regolarmente al poligono. Tanto che due giorni fa, al momento di arrestarlo proprio in relazione al rapimento, le forze dell'ordine hanno fatto irruzione nel suo appartamento con gli specialisti dell'unità di intervento, supponendo che potesse essere armato fino ai denti.

No vax, più di 90mila multe agli over 50 della Lombardia. «Per il ricorso 10 giorni dalla ricezione della sanzione»

Berger è diventato una figura nota a livello nazionale durante la pandemia ed è stato il volto della campagna di vaccinazione. La sua persona ha però subito anche feroci critiche, sia da parte degli scettici sia dai pro vaccino. Questi ultimi lo hanno accusato di aver agito con troppa esitazione nel raccomandare il booster e di aver banalizzato le conseguenze per i bambini malati di Covid. Stando  a quanto pubblicato dal Tages-Anzeiger, il tedesco nel febbraio 2020 ha fondato una società nel canton Zugo insieme a un partner commerciale. Il socio d'affari è un sostenitore delle teorie terrapiattiste e sul suo profilo Facebook ha anche diffuso teorie cospiratorie sul coronavirus. Esiste dunque una connessione fra il rapitore e gli scettici della pandemia, scrive sul proprio sito Internet il giornale svizzerotedesco. 

Mercoledì sera la polizia si è presentata all'appartamento del tedesco per arrestarlo in relazione al rapimento. Il 38enne ha però improvvisamente estratto una pistola: nella sparatoria successiva, l'uomo ha colpito con un proiettile la sua compagna, una svizzera di 28 anni, uccidendola. Il tedesco è poi stato abbattuto dagli agenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA