MINIATURE

"La bambina che piange al confine" è la foto dell'anno del World Press Photo

Giovedì 11 Aprile 2019 di Nicolas Lozito
3

La foto vincitrice del premio "Foto dell'anno" al prestigioso premio "World Press Photo" è del fotografo americano John Moore dell'agenzia Getty. Scattata lo scorso 12 giugno sul confine tra Stati Uniti e Messico, mostra la bambina Yanela Sánchez, originaria dell’Honduras, piangere mentre la madre Sandra Sánchez viene arrestata da un agente della polizia di frontiera statunitense a McAllen, in Texas.

Il vincitore è stato annunciato questa sera ad Amsterdam, durante la cerimonia di premiazione. Un'immagine che la scorsa estate ha fatto il giro del mondo, mostrando un momento intimo e straziante, che ha generato numerose critiche nei confronti del governo americano e in particolare della presidenza Trump. Lo scatto ha vinto anche la categoria "Spot news". 

Per gli altri premi assegnati, invece, si segnala la vittoria nella categoria "Ambiente" di Brent Stirton di Getty Images con lo scatto "Akashinga - le coraggiose", che mostra una donna membro di un'unità antibracconagio dello Zimbabwe. Per le "General news", invece, uno scatto di Christ McGrath legato alla morte del giornalista saudita Khashoggi. Il premio alla "Storia dell'anno" va a Pieter Ten Hoopen che ha seguito la caravana di migranti che ha attraversato l'America centrale per raggiungere il confine con gli Stati Uniti. Diana Markosian ha vinto la categoria "Contemporary issue" fotografando i riti di passaggio delle giovani donne a Cuba; mentre Sara Blesener si è aggiudicata il primo premio nella categoria "Progetti a lungo termine" seguendo i programmi di addestramento militari in Russia e negli USA. 

L’italiano Marco Gualazzini, che era anche finalista nella categoria foto dell’anno, si aggiudica il primo premio nella categoria ‘Ambiente - Storie’, con il suo reportage dal Ciad.

Lorenzo Tugnoli, invece, ha vinto il primo premio nella categoria "General news - storie" con il suo reportage dallo Yemen. 

Daniele Volpe, l’altro dei tre italiani finalisti si è aggiudicato invece il secondo posto nella categoria "General news", con la sua immagine di ciò che è rimasto dopo l'eruzione del Volcán de Fuego lo scorso 3 giugno in Guatemala. 

Tutte le 140 fotografie finaliste del premio saranno in mostra in anteprima mondiale al Palazzo delle Esposizioni di Roma dal 25 aprile fino al 26 maggio.  La mostra è ideata da World Press Photo Foundation di Amsterdam e promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita Culturale e organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo in collaborazione con 10b Photography. «Anche quest’anno siamo felici di ospitare “World Press Photo” e lo facciamo perché crediamo che sia la più importante rassegna internazionale in grado di restituire e rendere visibile un mosaico tanto complesso da lasciare a volte sgomenti: quello dell’umanità attuale», spiega il presidente dell’Azienda Speciale Palaexpo Cesare Pietroiusti.

Anatema di Papa Francesco contro chi organizza e lucra sulla tratta dei migranti

Mimmo Lucano e altri 26 a giudizio per gestione migranti a Riace. Processo l'11 giugno
 


La foto vincitrice di John Moore

Tra i finalisti, annunciati a febbraio, c'erano anche tre italiani: Marco Gualazzini nella categoria di "Foto dell'anno", con un'immagine scattata in Ciad; Lorenzo Tugnoli nella categoria "Storia dell'anno", che ha documentato la crisi umanitaria in Yemen; e Daniele Volpe nella categoria “General news”. 

Quest’anno la giuria, presieduta da Whitney C. Johnson del National Geographic, ha ricevuto 78,801 fotografie di 4.738 fotografi da 129 paesi diversi. Tra i 43 fotografi finalisti, poi, c'erano 14 donne, dopo che negli scorsi anni era stata criticata la mancanza di nomi femminili nelle selezioni.

L’anno scorso il premio era stato assegnato a Ronaldo Schemidt con uno scatto dal Venezuela: un ragazzo in fiamme durante le proteste contro il governo di Maduro. Testimoniava una situazione drammatica in divenire e presagiva una crisi ancora più grave e drammatica, come si è poi rivelata nel corso del 2018. 
 

Ultimo aggiornamento: 12 Aprile, 18:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Calimero e la gabbianara della Balduina

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma