Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caos voli: imbarchi negati, overbooking e prezzi folli. L'odissea dei viaggiatori, tra rabbia e accuse

La dj bloccata a Torino e passeggeri costretti a scendere per lo sciopero del pilota: tutti i disagi

Voli cancellati, la vacanza si trasforma in un incubo: lo sfogo sui social tra rabbia e ironia
4 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Luglio 2022, 15:01 - Ultimo aggiornamento: 10 Luglio, 09:10

Aeroporti nel caos, valigie perdute, voli cancellati. Così la vacanza tanto attesa si trasforma in un incubo. Da settimane nei principali scali europei migliaia di voli cancellati e scioperi del personale stanno causando disagi ai passeggeri. Tantissimi vacanzieri, con famiglie e bambini piccoli al seguito, ma anche professionisti in viaggio per lavoro e influencer sono rimasti intrappolati tra file e valigie. In molti si sono sfogati sui social raccontando la loro personale odissea tra rabbia e ironia, mentre su Facebook si moltiplicano gruppi social per far valere i diritti dei viaggiatori come «Rimborso risarcimento volo Volotea, Ryanair, Wizzair, EasyJet e altri» e «risarcimenti voli cancellati». 

La Dj bloccata a torino dopo il Kappa Festival 

Il caos voli ha colpito anche la dj olandese Chelina Manuhutu, che dopo essersi esibita al Kappa Futur Festival di Torino è rimasta bloccata all'aeroporto di Caselle. La dj doveva volare in Spagna per il Barcelona Beach Festival del 2 luglio ma il suo volo è stato cancellato e alla fine non ha potuto esibirsi. Lo sfogo sul suo profilo social da oltre 300mila followers in cui mostra la pista dell'aeroporto vuota e la scritta "cancelled flight". Alla fine è riuscita a raggiungere la Spagna e il 7 luglio si è esibita alla discoteca Hi di Ibiza.

La Dj olandese Chelina Manuhutu bloccata all'aeroporto di Torino 

Aereo pieno: «Devi scendere»

Tra le storie più insolite, quella di un passeggero ungherese nel volo Ryanair Budapest-Mallorca che è stato costretto a scendere dall'aereo. Il volo, racconta il portale di notizie Noizz, era in "Overbooking" cioè erano stati venduti più biglietti rispetto ai posti disponibili: così, una volta a bordo, due passeggeri si sono accorti di avere assegnato lo stesso posto. I testimoni raccontano che il personale ha offerto 250 euro di compenso per chi avesse accettato di partire il giorno dopo. Tuttavia, dopo che entrambi si sono negati, il personale ha scelto "a caso" uno dei due: un giovane che viaggiava solo che è stato costretto a scendere dall'aereo.  

 

Bergamo, il pilota sciopero e fa scendere i passeggeri 

Altra storia che ha dell'incredibile è quella capitata a una famiglia lombarda la settimana scorsa. Nel volo in partenza da Bergamo Orio al Serio con direzione Cagliari delle ore 6:30 del mattino i passeggeri sono stati fatti salire e successivamente scendere dal volo. A imbarco completato il pilota ha infatti comunicato che il volo non sarebbe partito a causa dello sciopero. Tutti i passeggeri sono stati fatti scendere e invitati a prenotare un altro volo sull'app Ryanair.  «Morale della favola, prenotiamo a spese nostre e a prezzi folli un nuovo volo da Milano Linate! Situazione pazzesca... voglio sottolineare che il volo cancellato non era per niente low cost ma il servizio è stato tale» racconta la protagonista di questa storia, in uno screen pubblicato sul profilo di Selvaggia Lucarelli.  

Linate, 24 ore nel limbo in attesa del volo per Lampedusa

È terminata invece con un esposto alla polizia la storia di alcuni viaggiatori che viaggiavano da Linate a Lampedusa sabato 25 giugno: per ore i passeggeri hanno atteso all'aeroporto ricevendo continui sms di riprogrammazione del volo. Viaggiatori lasciati nel limbo e nell'incertezza fino al giorno dopo, quando alle 19 hanno firmato un esposto alla polizia di stanza all'aeroporto. 

La rabbia nei gruppi Facebook: «Una follia»

Centinaia le testimonianze che arrivano dal web e dai gruppi su Facebook dove le "vittime" del caos voli si riuniscono per darsi consigli e organizzare class action:  «Davvero una follia. Voli cancellati poco più di 24 ore prima. Sul sito Ryanair provo a fare richiesta risarcimento e si impalla» si lamenta Luca. «Io dovrei essere a Creta dal 18 al 25 luglio. Avevo prenotato con Volotea e la settimana scorsa mi è stato cancellato il volo di andata, così ho prenotato quel volo con EasyJet pagato 530 euro. Ora mi è stato cancellato anche il volo di ritorno e non so come fare» scrive Cristina. Insomma i disagi non sono terminati, ed è possbile che andranno avanti per tutta l'estate. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA