Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Boicottare la vodka!». L'ultima idea anti-Russia arriva dagli Stati Uniti: bottiglie bandite nei supermercati

Nel mirino anche Telegram (di matrice russa), il caviale e il tè provenienti di Mosca e minimizzare l'uso del gas

«Boicottare la vodka!». L'ultima idea anti-Russia arriva dagli Stati Uniti: bottiglie bandite nei supermercati
3 Minuti di Lettura
Domenica 27 Febbraio 2022, 18:35

Boicottare la vodka. È l'ultima idea anti-Russia, lanciata da Stati Uniti e Canada, per minare l'economia del Cremlino dopo l'inizio della guerra in Ucraina. «Svuotate tutte le bottiglie di vodka russa e, insieme a munizioni e missili, speditele vuote in Ucraina affinché possano essere usate come bombe Molotov», ha twittato il senatore repubblicano Tom Cotton.

La risposta è arrivata dal New Hampshire, dove gli alcolici si vendono in negozi statali: il governatore repubblicano Chris Sununu ha annunciato la rimozione di tutti i prodotti russi.  Stesse decisioni, praticamente in contemporanea, sono arrivate da Ohio, Texas e Utah. E in Canada, il Liquor Control Board dell'Ontario, la provincia più popolata del Paese, ha annunciato la rimozione di tutti i «prodotti russi» dai suoi 600 punti vendita.

La Russia ha distrutto ha distrutto l'Antonov Mryia, l'aereo più grande del mondo che apparteneva all'Ucraina

Ucraina, la Germania stanzia 100 miliardi per le forze armate. L'ipotesi di creare un esercito europeo prende quota

Nel mirino anche tè, caviale e Telegram

Bandire la vodka non sarà però così dannoso per la Russia a livello economico. Di tutta la vodka consumata nei due Paesi, quella importata dalla Russia è circa l'1%, scrive il New York Times citando dati del Distilled Spirits Council of the United States, associazione dei produttori e distributori di alcolici.

Ma in rete non è solo la vodka nel mirino: c'è chi con il dilagante hashtag #BoycottRussia chiede di disinstallare Telegram, fondato dal russo Pavel Durov, ma anche chi propone di non acquistare caviale e tè russi e di minimizzare l'uso di gas.

© RIPRODUZIONE RISERVATA