CORONAVIRUS

Virus, i casi in Germania tornano a calare dopo 5 giorni di aumento

Venerdì 1 Maggio 2020
1
Primo maggio, folla in strada a Berlino

Il numero di contagi a causa del coronavirus in Germania è tornato a diminuire dopo cinque giorni di fila di incremento.  Sono ormai più di 161mila i casi di coronavirus e 6.575 i morti a causa della pandemia. Gli ultimi dati dell'Istituto Robert Koch parlano di 945 nuovi casi, rispetto ai 1.639 confermati ieri, e 94 decessi nelle ultime 24 ore.

Il primo maggio era stato festeggiato con cortei in strada. Clou a Berlino dove migliaia di manifestanti si sono riversati nelle strade. Negli ultimi giorni, con l'allentamento del lock-down, i contagi erano ripartiti. Questa la progressione dei dati sui contagiati che fanno riflettere Berlino: il 27 aprile i nuovi positivi erano 1.018 (con 110 morti), il 28 1.114, il 29 1.300, il 30 1.478, sino ai 1.639 di oggi con 193 vittime. 

Virus, Trump: «Ho la certezza che provenga da un laboratorio di Wuhan»
 

L’approccio del governo tedesco all’epidemia, diffusasi in massa in tutta la nazione, è stato apprezzato dalle organizzazioni sanitarie e ha dato l’idea del successo laddove nazioni come Spagna e Italia, avevano fallito. Angela Merkel ha annunciato giovedì che la Germania  avrebbe riaperto gli spazi sociali, come musei e zoo e che le comunità religiose avrebbero potuto riavviare i servizi. Stando al Robert Koch Institute, che ha monitorato il numero di contagi e morti dovuti al coronavirus dal 26 aprile, il tasso contagi in Germania è aumentato rapidamente, pur nel quadro di un calo generale nel lungo periodo.

Coronavirus, il bollettino: rallenta il calo dei nuovi positivi: 269 i morti in 24 ore

L’aumento di morti in numeri ha costretto Merkel ad annunciare un ipotetico rinforzo delle misure di blocco: «Dobbiamo lavorare affinché il numero di contagi si riduca il più possibile. Se la curva di contagi diventa di nuovo ripida, avremo bisogno di un sistema di allerta per poter agire in tempo. Rimane assolutamente importante che rimaniamo disciplinati». Merkel ha anche aggiunto che gli effetti dell'allentamento delle restrizioni sarebbero stati monitorati attentamente.

Coronavirus Italia, bollettino: 28.236 morti, oggi 269 (in calo). Ricoveri e nuovi positivi diminuiscono

Altre decisioni, che riguardano la riapertura delle scuole e dei ristoranti e la ripresa del calcio della Bundesliga, sono state rimandate alla settimana prossima, in un incontro che prevede nuove importanti decisioni. 
Merkel ha detto che “decisioni chiare” che riguardano la riaperture di scuole e asili sarebbero state prese il 6 maggio, così come il permesso di riprendere “determinate attività sportive”.  Nell’incontro della prossima settimana è dunque previsto di decidere in via definitiva se la Bundesliga può diventare il primo dei principali campionati di calcio d’Europa a riprendere il mese prossimo.

Coronavirus, in Emilia Romagna 208 nuovi casi (ieri 259) e 28 morti (ieri 39)
 

 

La Germania, nelle ultime settimane, ha iniziato a sbloccare le misure di restituzione a casa volte a contrastare la diffusione del coronavirus e i negozi sono autorizzati a ricevere clienti dalla scorsa settimana. Con il suo tasso di contagio relativamente basso di contagio del 4%, la Germania è stata presa a esempio per il successo fino ad ora ottenuto nella prevenzione del sovraffollamento dei servizi sanitari. Nonostante questo, le restrizioni hanno paralizzato l’economia precipitata in una recessione che secondo le stime del governo raggiungerà il -6,3% di Pil per l'intero anno. Il tasso di disoccupazione è aumentato in maniera significativa, passando da 2,3 milioni a marzo a 2,6 milioni ad aprile. Come altre nazioni che stanno cercando una via fuori dal lockdown, Merkel sta decidendo se consentire il riavvio dell'economia insistendo comunque sul fatto che «la prudenza è all'ordine del giorno».

De Luca: «Vecchi cinghialoni che fanno footing andrebbero arrestati per oltraggio al pudore»
 

Ultimo aggiornamento: 2 Maggio, 13:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA