Stupro come arma di guerra nel Donbass già nel 2014, Irina vittima dei separatisti russi sta raccogliendo testimonianze

Stupro come arma di guerra nel Donbass già nel 2014, Irina vittima dei separatisti russi sta raccogliendo testimonianze
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Martedì 6 Dicembre 2022, 12:09 - Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre, 16:03

Stupri come arma di guerra. Questa pratica violentissima messa al bando dall'Onu, sistematicamente utilizzata dai militari per seminare terrore nella popolazione, è affiorata anche in Donbass, durante gli anni in cui è iniziata la lenta separazione dall'Ucraina fino all'annessione con la Russia quest'anno. Iryna Dovgan, 60 anni, fu catturata nell'agosto 2014 dai separatisti filorussi. Fu picchiata, torturata, minacciata per aver portato cibo e vestiti all'esercito ucraino. Un fotografo del New York Times scattò una foto nella quale fu trovata legata a un palo con una bandiera giallo-azzurra sulle spalle e un cartello al collo: «Sta uccidendo i nostri figli». Un fotografo del New York Times, Mauricio Lima, l'ha immortalata in questa situazione, mentre veniva picchiata da un residente.

All'epoca, la donna raccontò al quotidiano Libération che avevano «minacciato di violentarla a turno». Oggi rivela che non ha detto la verità, era troppo choccata, voleva solo morire. Dal 2019, Iryna Dovgan dirige la rete SEMA Ucraina, un'organizzazione internazionale per i sopravvissuti ai crimini sessuali durante i conflitti armati. Parlare delle violenze sessuali a distanza di anni è ancora un calvario. Ma dopo l'invasione russa del 24 febbraio sta incoraggiando le donne ucraine in Donbass ad abbattere il muro del silenzio.

36 donne indigene portano in tribunale 5 militari che usarono lo stupro come arma di massa

Ad oggi, registra Le Monde, sono stati ufficialmente segnalati all'ufficio del pubblico ministero solo un centinaio di casi. «Ma sono una goccia nell'oceano, in realtà i numeri sono molto più alti». Una fotoreporter ucraina, Alisa Kovalenko nel 2014 stava filmando la vita quotidiana di un battaglione ucraino nel Donbass quando venne arrestata dai separatisti, convinti di aver catturato un elemento "fascista". Dopo averla minacciata, fu portata in un appartamento, le venne ordinato di spogliarsi e di lavarsi. È stata rilasciata quattro giorni dopo. I crimini sessuali erano già allora una pratica diffusa.

Secondo Volodymyr Shcherbachenko, direttore dell'ONG Eastern Ukrainian Center for Civic Initiatives, "un uomo su quattro e una donna su tre" tra i prigionieri rilasciati dal 2017 nel Donbass, dopo essere stati detenuti dai separatisti filorussi, sono stati vittime di violenza sessuale. 

Nel 2019 il Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha approvato con 13 voti a favore e due astenuti (Russia e Cina) una risoluzione sulla violenza sessuale in conflitto, volta a combattere l'uso dello stupro come arma in guerra.

Bucha, l'inferno delle donne: in 25 tenute prigioniere e violentate. «Nove di loro sono incinte»

© RIPRODUZIONE RISERVATA