Vescovo ferito in Sud Sudan: «Perdono i miei aggressori»

Martedì 27 Aprile 2021
Vescovo aggredito in Sud Sudan: «Perdono i miei aggressori»

Non nutre rancore verso gli aggressori che gli hanno sparato alle gambe il vescovo Christian Carlassare. Ai microfoni di «Eye Radio», un'emittente locale, ha pronunciato parole di perdono e ha chiesto preghiere per il Sud Sudan: «So che le persone stanno soffrendo più di me in questo momento per quello che è successo. Rumbek merita molto meglio di questo. Quindi perdono con tutto il cuore chiunque abbia fatto questa azione».

Condizioni stabili

Il Consiglio Generale dei Missionari Comboniani rassicura sulle condizioni del vescovo.«Abbiamo appreso dal Provinciale del Sud Sudan che le condizioni di mons. Christian Carlassare sono al momento stabili: sembra che la ferita riguardi solo i tessuti molli di entrambe le gambe. Mons. Carlassare ha chiesto di rassicurare tutti i confratelli che sta abbastanza bene e ci invita a pregare soprattutto per la gente di Rumbek che, nelle sue parole, sta soffrendo più di lui. Ha aggiunto che perdona i suoi aggressori».

I motivi dell'attacco

I Comoboniani riferiscono che la nomina di Carlassare a vescovo in città era stata accolta bene, ma non è escluso che l'essere straniero abbia acceso rivendicazioni di tipo tribale. «L'attentato al vescovo eletto Carlassare ha colpito molto la comunità sudsudanese, sia i cattolici sia i non cattolici. Ci aspettiamo che i responsabili siano catturati e rispondano del loro gesto». Così suor Paola Balatti, comboniana che opera in Sud Sudan, esprime in un colloquio con l'Agenzia Fides.

© RIPRODUZIONE RISERVATA