MATTEO SALVINI

Appello alla Mogherini dalla comunità dei venezuelani in Italia

Martedì 26 Febbraio 2019
Roma – Drammatica lettera aperta della comunità venezuelana in Italia a Federica Mogherini, alta rappresentante dell’Unione Europea per le Relazioni Estere e Politica della Sicurezza. L’uso della violenza, inflitta al popolo dalla polizia di Maduro e di quella di gruppi armati irregolari allo scopo di intimidire, colpire e in più di un’occasione uccidere civili inermi, «sono l’evidenza che in Venezuela - spiegano i rappresentanti venezuelani in Italia - non vi è alcuna possibilità di organizzare elezioni libere e democratiche».

La comunità venezuelana in Italia ripete ancora una volta che le votazioni potranno avvenire esclusivamente dopo la caduta della dittatura, momento in cui la Assemblea Nazionale potrà nominare un nuovo CNE (Consiglio Nazionale Elettorale) poiché quello attuale è esclusivamente nelle mani di militanti del regime. Infine chiedono di non definire più “governo di Maduro”, innanzitutto «perché, dal 10 gennaio 2019, in base alla Costituzione venezuelana, Nicolás Maduro non è più il Presidente del Venezuela, di fatto anche il governo italiano, nella mozione approvata il 12 febbraio lo ha dichiarato. Infine un appello: «vorremmo che l’Unione Europea si pronunci in maniera più precisa e dettagliata sul come si potrebbero indire delle libere elezioni ». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma