Oslo, vaccinati e contagiati: il più vasto focolaio di Omicron del mondo dopo una cena aziendale di Natale Migliaia di contatti

Il medico Jorun Thaulow: “Ultimamente stiamo rilevando che moltissime persone vaccinate si infettano e continuano a diffondere la malattia”

Oslo, vaccinati e contagiati: il più vasto focolaio di Omicron del mondo dopo una cena aziendale di Natale
3 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Dicembre 2021, 15:20 - Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre, 08:35

Variante Omicron, potrebbe essere Oslo a conquistare il primo record di contagi legati alla nuova variante sudafricana. La capitale già innevata della Norvegia ospita un caso che preoccupa non poco le autorità sanitarie perché si teme che già una sessantina di persone sia stata contagiata dalla nuova variante durante una cena aziendale nel ristorante&bar Louise in pieno centro a Oslo. Poi la serata è continuata nell'Old Irish Pub nel lussuoso quartiere di Majorstua, un altro locale affollatissimo. In altre parole, la catena del contagio potrebbe riguardare già al primo stadio migliaia di persone fin da sabato sera, quando era prevista la cena di Natale dei dipendenti della Scatec, azienda he produce impianti fotovoltaici e che ha sedi anche in Sudafrica da dove nei giorni scorsi erano rientrati alcuni dipendenti. Da venerdì la Norvegia ha imposto la quarantena a tutti i viaggiatori in arrivo dal Sudafrica o dai Paesi vicini, ma gli impiegati della Scatec erano già rientrati. Alcuni di loro abitano nel vicine comune di Asker. Da parte l'azienda ha solo fatto sapere che i controlli anticontagio in azienda e per l'evento di sabato sono stati molto rigidi. 

Vaccinati e contagiati

I contagiati sono tuttavia asintomatici o con sintomi lievissimi (mal di gola, stanchezza). Quello che preoccupa maggioramente è che tutti gli impiegati della Scatec sono vaccinati. Inoltre inizialmente il ristorante Luoise era riservato solo alla cena aziendale, poi è stato aperto anche ad altri clienti. Per non dire dei dipendenti che hanno poi allungato la nottata in altri locali. Tracciare tutti i possibili contatti è impossibile e così si teme nei prossimi giorni un boom dei contagi.  Il responsabile medico dei test di questo caso, Jorun Thaulow, ha detto che fino a 50 impiegati possono avere il nuovo virus. Il focolaio di Omicron più vasto del mondo. “Ultimamente stiamo rilevando - ha detto Thaulow a Nrk tv -  che moltissime persone vaccinate si infettano e continuano a diffondere la malattia”.

Va ricordato tuttavia che al momento la Norvegia (meno di 6 milioni di abitanti) ha solo 226 ricoverati, nessuno dei quali in terapia intensiva. I morti, nell'ultima settimana, sono in media 6. I vaccinati (due dosi) sono il 71% della popolazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA