Covid, nuovo vaccino russo: da primi dati efficacia al 100%. In Israele ​oltre 50% immunizzato con due dosi

Nuovo vaccino russo, da primi dati efficacia al 100%. In Israele oltre 50% immunizzato con due dosi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 25 Marzo 2021, 11:47 - Ultimo aggiornamento: 16:46

La Russia ha pubblicato promettenti dati di sperimentazione clinica precoce per il suo secondo vaccino Covid-19, EpiVacCorona. I risultati, pubblicati in un articolo peer-reviewed sul Russian Journal of Infection and Immunity, hanno dimostrato che il vaccino era sicuro da usare e ha generato risposta immunitaria nel 100% negli individui testati. Non sono stati registrati effetti collaterali negativi, secondo la rivista scientifica. I dati provengono da un test di fase 1/2 controllato con placebo, con 86 volontari. È in corso uno studio di fase 3 in fase avanzata su circa 3.000 volontari per valutare l'efficacia del vaccino.

Una lettera aperta di questa settimana di diversi partecipanti agli studi clinici di EpiVacCorona ha affermato che il vaccino non ha generato una risposta immunitaria sufficiente. La Russia ha approvato il vaccino EpiVacCorona per l'uso in ottobre, in assenza di risultati di studi clinici pubblicati o studi su larga scala. Il vaccino a due colpi utilizza frammenti di virus, i cosiddetti antigeni peptidici sintetici, che addestrano il sistema immunitario a difendersi dal coronavirus. La Russia ha anche approvato un terzo vacino, chiamato CoviVac, sempre prima dei test su ampia scala. Gli sviluppatori del vaccino hanno oggi annunciato di star iniziando gli studi clinici di fase 3.

Lavoro, mancata vaccinazione giustifica sospensione retribuzione

In Israele

Il 50.07% della popolazione israeliana è stata vaccinata con due dosi. Lo ha detto il ministro della sanità Yuli Edelstein, citato dai media. Ad avere avuto almeno una dose è stato invece il 55.96%. La forte campagna vaccinale ha ridotto drasticamente le nuove infezioni. Il tasso di positività nelle ultime 24 ore -- secondo il ministero della sanità - è stato dell' 1.1%, mentre questa mattina dell' 1.3%: il primo è il più basso da aprile scorso; il secondo, da giugno. Il Fattore R - quello che indica la capacità di infettare altri da parte di un positivo - è sceso a 0.55.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA