Fingono un rapimento per YouTube, scatenano l'allarme generale: arrestati

Giovedì 11 Luglio 2019 di Anna Guaita
Fingono un rapimento per YouTube, scatenano l'allarme generale: arrestati
Le telefonate al numero delle emergenze sono piovute a decine. Testimoni allarmati gridavano:«Un uomo sta rapendo una ragazza!». L’allarme è scattato subito, e la polizia di Forsyth, nella Georgia, è partita con le volanti alla ricerca dela ragazzina bionda catturata da un ragazzone latino-americano nel parcheggio di un centro acquisti. Ma era tutta un finta. Ava Coleman e Christopher Jones Kratzer, 17 anni lei e 19 lui, avevano inscenato il rapimento per farne un film da caricare su YouTube, dove speravano di ricevere tanti “like” e aumentare i loro follower.

Il portavoce della poizia ha commentato, alla fine dell’avventura, quanto cretina fosse stata l’idea, e quanto i due ragazzi abbiano rischiato. Nessuno infatti aveva capito che si trattava di una messa in scena. E questo nella Georgia, uno Stato dove la gente ha il permesso di girare armata, poteva portare a un confronto letale: qualche cittadino bene intenzionato, deciso a salvare la ragazzina dal rapitore, avrebbe potuto facilmente tirare fuori una pistola e ferire o uccidere Christopher. Per non parlare della polizia stessa, che è stata dispiegata in forze ed era pronta a salvare la giovane vittima a ogni costo.

Fortunatamente qualche testimone è riuscito a prendere la targa della vettura. E la polizia ne ha identificato il proprietario, e nell’arco di venti minuti ha potuto rintracciarlo e parlargli. Il proprietario era il padre di Ava, e ha spiegato che la macchina l’aveva la ragazza perché doveva «girare un film».

Quella frase ha fatto sorgere i primi sospetti. Ma la scena descritta dai testimoni sembrava troppo vera: la ragazza presa di forza, spinta nel sedile posteriore della vettura, le sue grida spaventate «Aiuto, mi vuole uccidere!», tutto faceva credere che il rapimento fosse vero.

L’auto è stata poi identificata da una pattuglia, mentre era ferma nel parcheggio di una chiesa. Circondati dai polizotti con le pistole puntate, i due ragazzi sono lentamente usciti dalla vettura, con le mani alzate: «Tante cose potevano andare storte – ha commentato il portavoce della polizia -. Eravamo davvero convinti che ci fosse stato un rapimento. Qualcuno poteva rimanere ferito, o peggio. Tutte le pattuglie sono state spedite alla ricerca del Suv. Correvano per tutta la contea, per cercare  quella povera ragazzina. Tutto ciò è profondamente sbagliato».

I due ragazzi sono stati incriminati per condotta pericolosa, e per aver creato un falso allarme pubblico.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’incubo di vivere per 34 ore sulla barella al pronto soccorso

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma