Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Usa, il fidanzato uccide suo figlio mentre lei è a lavoro: mamma condannata a 16 mesi “per mancata protezione”

La tragica vicenda è accaduta in Oklahoma. Il bimbo è morto per un trauma da corpo contundente

Rebecca Hogue, 29 anni, con il figlio Ryder
2 Minuti di Lettura
Domenica 13 Febbraio 2022, 09:11

Una madre è stata condannata a 16 mesi per «non avere protetto» il figlio di due anni, ucciso dal suo compagno nel 2020 mentre lei era al lavoro. Al centro di questa vicenda tragica c’è Rebecca Hogue, 29 anni. Il fatti è accaduto in Oklahoma, negli Stati Uniti.

Liliana Resinovich, l'accusa del fratello: «Uccisa per il denaro, è stato un nostro parente»

Rebecca ha trovato il figlio morto il giorno di Capodanno 2020. Trent, il compagno, invece, era scomparso. Quattro giorni dopo, la polizia ha trovato il suo corpo nelle montagne Wichita. Si tratterebbe di suicidio. In un albero vicino è stata poi trovata una scritta: "Rebecca è innocente".  Secondo il medico legale che si è occupato del caso, Ryder è morto per un trauma da corpo contundente. «Ero così orgogliosa di avere un bambino così bello, forte, intelligente e sano. L'unica cosa che mi ha dato un po' di pace in questi due anni è che l'uomo che ha fatto questo è morto», ha detto Hogue, secondo quanto riporta la Bbc, che cita il Norman Transcript.

Del caso di Rebecca si sono interessati diversi gruppi per i diritti delle donne. Per la legge dello stato dell' Oklahoma, i genitori che non «proteggono i propri figli» possono essere accusati degli stessi crimini dell'autore del reato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA