Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Usa, cresce la paura per l'influenza aviaria: in Iowa uccisi altri 5,3 milioni di polli. È allarme

Con questa conferma salgono così a 12,6 milioni i polli o tacchini che sono stati abbattuti in almeno otto stati stando ai dati del Dipartimento statale dell'agricoltura

Usa, cresce la paura per l'influenza aviaria: in Iowa uccisi altri 5,3 milioni di polli. È allarme
3 Minuti di Lettura
Sabato 19 Marzo 2022, 10:42

Un altro caso di influenza aviaria in Iowa. La conferma arriva sa funzionari statali dell'agricoltura che affermano che la conferma dell'influenza aviaria in un altro allevamento di uova dell'Iowa costringerà all'uccisione di oltre 5 milioni di polliÈ il secondo caso confermato di influenza aviaria nella contea di Buena Vista, a circa 160 miglia (257 chilometri) a nord-ovest di Des Moines negli Usa, il primo riguardava una fattoria con circa 50.000 tacchini e stavolta il focolaio è in un allevamento con 5,3 milioni di polli.

Aviaria, due focolai a Prato sotto sorveglianza della Asl. I proprietari: «Polli trovati morti»

Allarme aviaria negli Usa, 12,6 milioni volatili uccisi

Con questa conferma salgono così a 12,6 milioni i polli o tacchini che sono stati abbattuti in almeno otto stati stando ai dati del Dipartimento statale dell'agricoltura.

La diffusione della malattia è in gran parte attribuita agli escrementi o alle secrezioni nasali di uccelli selvatici infetti, come anatre e oche, che possono contaminare la polvere e il suolo. Uccelli selvatici infetti sono stati trovati in almeno 24 stati e il virus circola negli uccelli acquatici migratori in Europa e in Asia da quasi un anno.

Influenza aviaria, record di casi nel 2021 (e aumento del 462%). Gli esperti: «Ora il virus è più rischioso per l'uomo»

Il primo caso dell'Iowa è stato identificato il 1 marzo in uno stormo di 42 anatre e oche nel cortile di casa nella contea di Pottawattamie, nell'Iowa occidentale. Un altro allevamento di polli deposizione di uova con quasi 916.000 uccelli è stato segnalato con il virus il 10 marzo nella contea di Taylor, nel sud-ovest dell'Iowa.

Influenza aviaria, abbattuti i cigni della Regina Elisabetta: «Bisogna fermare l'epidemia»

Nessun rischio per gli esseri umani

I Centers for Disease Control and Prevention hanno affermato che i casi negli uccelli non rappresentano un problema immediato per la salute pubblica. Nessun caso umano del virus dell'influenza aviaria è stato rilevato negli Stati Uniti. Rimane sicuro mangiare prodotti a base di pollame. La cottura di pollame e uova a una temperatura interna di 165 ˚F uccide batteri e virus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA