Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Uragano Delta minaccia il Messico: «Venti a 185 km orari e onde alte 3 metri»

foto
Martedì 6 Ottobre 2020, 19:39

L'imminente arrivo dell'uragano Delta sulla costa sud-orientale del Messico ha messo in allarme le autorità messicane, e il presidente Andrés Lpez Obrador ha ordinato l'adozione di precauzioni per poter contenere le eventuali perdite umane e i danni per il passaggio del fenomeno nel Paese. Il presidente messicano ha chiesto a Rafael Ojeda, capo della Marina Militare, e a Laura Velázquez, coordinatrice nazionale della Protezione Civile, di trasferirsi nello stato di Quintana Roo, dove si trovano i centri termali più visitati del Paese, per adottare azioni che consentano una maggiore protezione della popolazione della zona.

LEGGI ANCHE Giappone, nave con 43 persone a bordo investita dal tifone Maysak: 42 dispersi, salvo un uomo in mare da 30 ore

L'uragano Delta si è rafforzato raggiungendo il livello 3 ed è atteso nella penisola messicana dello Yucatan nella mattinata di domani, secondo il Centro nazionale Uragani americano. I suoi venti hanno raggiunto i 185 km orari e se prevede che Delta diventerà «di categoria 4 ed estremamente pericoloso», quando toccherà il Messico. Le autorità di Quintana Roo hanno emesso un allarme uragano per i turisti di Tulum e dell'isola di Cozumel, che stanno ancora affrontando le conseguenze della recente tempesta tropicale Gamma, e hanno ordinato l'avvio dei preparativi per l'evacuazione e l'apertura di rifugi. Si teme che l'uragano provochi onde da 2 a 3 metri accompagnate da inondazioni nelle zone costiere. Il capo del servizio meteorologico messicano, Jorge Zavala, ha dichiarato che il fenomeno «rappresenta un pericolo significativo per le zone costiere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA