Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, l'ondata di veterani Usa che combatte contro Putin (e che mette in crisi Washington)

Un portavoce del ministero della Difesa russo: «Nella migliore delle ipotesi saranno perseguiti come criminale»

Ucraina, l'ondata di veterani Usa che combatte contro Putin (e che mette in crisi Washington)
3 Minuti di Lettura
Sabato 12 Marzo 2022, 20:50 - Ultimo aggiornamento: 13 Marzo, 10:32

Lane Perkins è arrivato al confine tra Ucraina e Polonia la scorsa settimana, facendosi largo tra automobili e bus stipati di profughi provenienti d​​a ovest. Ambulanze e combattenti stranieri, come lui, si sono avventurati a est, verso il fronte più caldo. A sud, vicino al confine dell'Ucraina con la Romania, Zachary Burgart e Mark Turner hanno concluso una missione di sei giorni iniziata con la consegna di forniture mediche, che però ha preso una svolta inaspettata quando le autorità, sospettando che i due americani fossero sabotatori russi, li hanno arrestati e interrogati. Sono solo alcune delle testimonianze raccolte dal Washington Post della grande ondata di veterani militari Usa che, nonostante gli avvertimenti dell'amministrazione Biden, si sono uniti alla resistenza ucraina. 

Ucraina, la foto della bambina con il fucile e il lecca lecca fa il giro del mondo: la storia dietro lo scatto

L'esercito parallelo 

Alcuni, come Perkins, vogliono affrontare direttamente l'esercito di Putin. Altri, tra cui Burgart e Turner, hanno offerto addestramento militare e di primo soccorso, trasportando forniture umanitarie e stabilendo contatti per futuri volontari statunitensi. «Questa», ha detto Perkins, un veterano della Marina che risiede a San Diego, «è una causa nobile». Mentre il presidente Biden ha affermato ripetutamente che le sue truppe non saranno trascinate nel conflitto, il governo del presidente Volodymyr Zelensky ha reclutato veterani militari occidentali per rafforzare la sua neonata Legione internazionale di difesa territoriale dell'Ucraina. 

Si stima che circa 20.000 stranieri hanno espresso interesse nell'iniziativa. E quasi 4.000 di loro sono americani, almeno stando alle parole din un funzionario dell'ambasciata ucraina negli Stati Uniti, che ha parlato a condizione di anonimato perché la questione è considerata molto delicata a Washington. Non è chiaro quanti possano effettivamente unirsi alla resistenza di Kiev. Il coinvolgimento degli americani nella guerra probabilmente si estenderà oltre la legione straniera di Zelensky. Ma indipendentemente da ciò, questi militari "volontari" corrono rischi significativi. Un portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, ha definito «mercenari» tutti coloro che, provenienti da altri Paesi, aiutano le forze ucraine, affermando che chiunque venga catturato «nella migliore delle ipotesi» può aspettarsi «di essere perseguito come criminale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA