Le minacce all'Italia e il rischio concreto di un attacco hacker, ma sul gas la Russia non può fare rinunce

Le minacce all'Italia e il rischio concreto di un attacco hacker, ma sul gas la Russia non può fare rinunce
2 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Aprile 2022, 19:06 - Ultimo aggiornamento: 22:46

«Di indecente ci sono solo i massacri», il premier Mario Draghi replica così alle minacce russe, dopo che oggi la portavoce del ministero degli Esteri di Mosca, Maria Zakharova, intervenendo al programma di Solovyov, aveva attaccato il nostro Paese. Non è la prima volta che accade, nelle scorse settimane le accuse avevano riguardato il ministro della Difesa Lorenzo Guerini , promettendo anche conseguenze irreversibili. Ma il riferimento a presunti aiuti passati, dei quali l'Italia non tiene conto, e a un presunto sentire differente del Paese  reale : «Questa - ha proseguito la portavoce del ministero degli esteri russo - non è la posizione dei cittadini italiani che stanno scrivendo di vergognarsi di chi li governa, di non condividere questa posizione e di comprendere l'origine di questa crisi», fanno pensare piuttosto a minacce velate difficilmente attuabuili. sembra più il riferimento a ubn altra era, quella in cui il governo italiano è stato realmente vicino alla Russia, sulla base dei legami con Mosca della Lega, che però, fa ancotra parte della maggioranza. Di fatto oramai le distanze sono siderali. Sono due i fronti su cui Mosca può colpire l'Italia; da un lato le forniture di gas, dall'altro la guerra cyber. E se la prima appare improbabile, la seconda sembra molto più concreta e spaventosa. 

IL GAS RUSSO

 Mentre il Parlamento Ue ha votato una mozione per un embargo totale al gas russo, che non troverà mai attuazione, Draghi si è confrontato con il premier olandese  per un tetto massimo del prezzo da pagare a Mosca. Ma anche su questo fronte l'accordo non si trova. Una cosa è certa: nessuno può pemettersi un embargo totale sull'energia, né Mosca può permettersi di chiudere i rubinetti, che forniscono all'ITalia il 40 per cento del nostro fabbisogno di gas. La partita, infatti, è importante anche per la Russia che in questo momento non può rinunciare a entrate miliardarie. Rubli puliti che aiutano anche la moneta e rafforzano l'economia interna, attraverso, una guerra anche tra valute.

Il gas, infatti, deve essere pagato in rubli,  che vengono richiesti alle banche, quindi alla Banca centrale. Un meccanismo che di fatto indebolisce l'euro e che in qualche modo annulla le altre sanzioni.

Un cyber attacco pianificato e organizzato da parte della Rusiia potrebbe invece bruciare miliardi di euro. E sembra molto più concreto.  Bloccare infrastrutture e servizi comporterebbe un danno enorme.  Il rischio è stato chiaro sin dall'inizio della guerra e l'allerta è massima. Ma potrebbe essere questo il fronte reale della minaccia

© RIPRODUZIONE RISERVATA