Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, Putin come Hitler? L'inquietante parallelismo con il Fuhrer: da Brest a Brest, il dettaglio storico che riporta alla II guerra mondiale

Il presidente russo ha scelto di trattare a Brest, dove nel 1991 veniva sancita la fine dell'Urss. Un modus operandi già attuato prima di lui dal dittatore tedesco

Putin e quell'inquietante parallelismo con Hitler: il dettaglio storico che lo accomuna al Fuhrer
3 Minuti di Lettura
Venerdì 4 Marzo 2022, 15:33 - Ultimo aggiornamento: 16:20

Che Putin conosca bene la storia del suo paese (e non solo), lo si è capito da tempo. E lo zar lo ha ricordato nei giorni scorsi, con i discorsi sulla rivoluzione russa, Lenin e la de-nazificazione. Per questo motivo a molti non è sembrato un caso che, per il secondo incontro con tra le delegazioni di Russia e Ucraina, si sia scelto Brest come luogo di trattative.

Nello stesso posto dove 31 anni fa veniva sancito lo scioglimento dell'Urss e nasceva l'Ucraina. Un segnale di rivalsa, dopo quell'umiliazione che ancora affligge i filorussi e soprattutto Putin. E un modo di fare che lo accomuna in maniera inquietante ad Adolf Hitler.

Ucraina, Moldavia e Georgia hanno chiesto ufficialmente di entrare nella Ue: perché bruciano le tappe e quali sono i rischi

 

Il patto di Compiègne di Hitler

Nel 1940, in piena seconda guerra mondiale e con Parigi conquistata, la Francia chiede alla Germania la firma dell'armistizio. Hitler non poteva farsi scappare l'occasione e organizza l'incontro a Compiègne, nello stesso vagone dove era stata sancita la fine della prima guerra mondiale e la sconfitta della Germania. Un modo per cancellare quell'umiliazione così cocente, che aveva spinto poi i nazisti a dare il via al secondo conflitto. Come Hitler, Putin ha scelto il luogo dell'umiliazione, per trovare il riscatto.

 

Un parallelismo che potrebbe fornire un quadro delle psicologia del presidente russo, in questo momento indecifrabile anche per molti suoi connazionali. Da quando è cominciata l'invasione, sono tantissimi ad affiancare Putin a Hitler. Nelle manifestazioni in tutto il mondo spuntano cartelli con le foto dei due, messe una vicina all'altra. E in Ucraina c'è chi dice che, come il Fuhrer, Putin punta allo sterminio degli ucraini. E dopo la bomba sul memoriale della Shoah di Kiev, questi timori sono cresciuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA