Ucraina, offensiva lampo russa fallita: a Kharkiv truppe ferme da 9 giorni e armi «insufficienti». La (nuova) mappa della guerra

Ad evidenziare il fallimento di Mosca è il confronto tra due diverse mappe del conflitto, una che fotografa la situazione sul fronte al 20 maggio e l'ultima del 29 maggio, pubblicate dal collettivo russo «Agentstvo»

Kharkiv, l'offensiva russa è fallita: truppe ferme da nove giorni e armi «insufficienti». La (nuova) mappa della guerra
di Marta Giusti
4 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Maggio 2024, 11:53 - Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 09:20

Kharkiv, l'offensiva russa nella regione ucraina si è fermata negli ultimi giorni. Anche negli altri settori del fronte non si registrano progressi seri. Pertanto, l’esercito di Mosca non è riuscito a far crollare la difesa di Kiev vicino a Donetsk, allungando il fronte con una spinta militare. Inoltre, le truppe di Putin non sono riuscite a creare una “zona sanitaria” intorno Belgorod, oblast' obiettivo chiave nella strategia bellicista del Cremlino. Ad evidenziare il fallimento della Russia è il confronto tra due diverse mappe del conflitto, una che fotografa la situazione sul fronte al 20 maggio e l'ultima del 29 maggio, pubblicate dal collettivo russo «Agentstvo» e messe a confronto con quelle quelle del sito «Deep State». 

L'esercito di Mosca sta aumentando il numero delle truppe nell'area degli insediamenti di Strelech-Liptsy e Volchansk ma queste forze non sono sufficienti per un'offensiva su vasta scala.

Lo ha confermato anche il comandante in capo delle forze armate ucraine Alexander Syrsky su Facebook. «Il nemico continua a rafforzare il raggruppamento delle sue truppe in direzione dell'attacco principale di Strelech-Liptsy e nella regione di Volchansk, trasferendo reggimenti e brigate aggiuntivi. Tuttavia, queste forze ora non sono sufficienti per un'offensiva su vasta scala e per una svolta nella nostra difesa», ha scritto.

Russia, un'esplosione nucleare “dimostrativa” per intimorire l'Occidente: la proposta del think tank (che piace a Putin)

La nuova mappa della geurra

Durante le due settimane e mezzo dell'offensiva su Volchansk e Liptsy, l'esercito russo ha conquistato circa 174 metri quadrati. km di territorio, secondo i dati del progetto ucraino DeepState. Tuttavia, negli ultimi nove giorni, i progressi si sono praticamente fermati. Dal 20 maggio, le truppe di Mosca hanno perso perso addirittura diverse centinaia di metri quadrati nelle vicinanze di Volchansk.

Il fronte immobile

Avendo sostanzialmente arrestato l'avanzata, l'esercito di Putin ha iniziato a «segnalare» sempre di più la cattura di nuovi insediamenti. Dal 21 al 29 maggio, il Ministero della Difesa del Cremlino ha annunciato la cattura di Staritsa nel nord della regione di Kharkov, Berestovoy e Ivanovka nell'est della regione, Andreevka, Arkhangelsk e Netaylovo nella regione di Donetsk, nonché Belogorovka vicino a Lugansk. Tuttavia, DeepState ha confermato la perdita di un solo insediamento: Netailovo e ha negato la cattura di Belogorovka e Berestovoy. Anche Andreevka rimane sotto il controllo delle forze armate ucraine, come risulta dalla mappa del progetto. La cattura completa di questi insediamenti non è stata confermata nemmneo dall'ISW.

L'espansione della linea del fronte non ha portato ad alcun notevole avanzamento dell'esercito russo in altre parti della linea di contatto. In tutte le altre direzioni, la Russia ha conquistato solo 83,45 metri quadrati km. Diciotto giorni prima dell'inizio dell'offensiva, l'area del territorio conquistata dalla Russia su altri fronti era ancora maggiore: 86,88 metri quadrati. Gli analisti dell'ISW hanno definito lo stiramento della linea per indebolire le forze armate ucraine una delle possibili ragioni per l'apertura del fronte nella regione di Kharkiv.

Un altro possibile obiettivo notato dagli esperti è il tentativo di creare una “zona sanitaria” per proteggere Belgorod dai bombardamenti. Anche Putin ne ha parlato. Inoltre, non è stato possibile raggiungere questo obiettivo, ha osservato Mikhailov: la profondità minima di una tale zona di 10 km è stata raggiunta solo in un punto. Ciò è indicato anche dai continui bombardamenti della regione di Belgorod. La rivista Economist, citando fonti , ha scritto che l’obiettivo della Russia nella regione era l’accerchiamento parziale di Kharkiv e l’accesso alle retrovie del gruppo di Kupyansk delle forze armate ucraine. Tuttavia, anche questo obiettivo non è stato raggiunto, osserva Mikhailov. "È ovvio che l'operazione russa non è andata secondo i piani, poiché il comando difficilmente aveva pianificato, ad esempio, di condurre lunghe e sanguinose battaglie urbane a Volchansk", ha aggiunto l'esperto militare.

Le perdite

Dall'inizio dell'offensiva, la Russia ha perso 307 mezzi di equipaggiamento, tra cui 66 carri armati, 98 veicoli da combattimento di fanteria e 10 mezzi corazzati, secondo i dati del progetto Oryx. Le perdite dell'Ucraina ammontano a 141 unità di equipaggiamento, tra cui 29 carri armati, 14 veicoli da combattimento di fanteria e 13 veicoli corazzati. Due settimane e mezzo prima dell'inizio dell'offensiva nel nord della regione di Kharkiv, la Russia, secondo Oryx, ha perso 297 unità di equipaggiamento, tra cui 78 carri armati, 99 veicoli da combattimento di fanteria e nove veicoli corazzati, e l'Ucraina - 110 unità di equipaggiamento, inclusi 15 carri armati, nove veicoli da combattimento di fanteria e 15 veicoli corazzati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA