Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, città assediate. Odessa, missili dalle navi. Mariupol, cibo finito: «Senza neve non c'è acqua»

Sui monumenti i sacchi di sabbia. A Est le truppe di Putin non riescono a piegare la resistenza di Mikolaiv. Quartieri sotto attacco, dopo i missili contro l’ospedale: «Ci stanno colpendo con armi che neppure conosciamo»

Ucraina, città assediate. Odessa, missili dalle navi. Mariupol, cibo finito: «Senza neve non c'è acqua»
di Mauro Evangelisti
6 Minuti di Lettura
Giovedì 10 Marzo 2022, 23:05 - Ultimo aggiornamento: 12 Marzo, 09:14

Odessa e Mariupol sono 2 punti strategici per la conquista dell’Ucraina, le città del sud, quelle più vicine alla costa. I russi vogliono occuparle a tutti i costi per cancellare lo sbocco a mare per Kiev

ODESSA

Quella trincea sul Mar Nero: «Lanciano missili dalle navi, ci difendono i nostri vicini»

Il 24 febbraio i cittadini di Odessa hanno capito che nulla sarebbe stato come prima, quando un razzo russo ha colpito le navi militari attraccate al porto e sono state contate le prime venti vittime. Anche ieri ci sono stati quattro allarmi antiaerei. Da una nave russa, sul mar Nero, sono stati lanciati alcuni razzi che hanno raggiunto obiettivi militari. Via terra l’esercito di Putin sta avanzando da est ed è a 60 chilometri, ma non riesce a superare la resistenza di un’altra città, Mikolaiv, ormai bombardata ogni giorno, ma che continua a combattere guidata dal governatore Kim divenuto ormai un personaggio su Telegram, il servizio di messaggistica con cui tiene costantemente informati i cittadini, tra combattimenti per il controllo dell’aeroporto e lezioni di strategia militare.

Sacchi di sabbia

Se Mikolaiv non cade, lungo la costa del mar Nero, l’esercito russo non potrà raggiungere Odessa, se non facendo un giro molto lungo. Intanto, però, lungo la strada tra le due città sono pronte le trincee. No, Odessa non è una Fortezza Bastiani dove si aspetta un nemico che non arriva mai. La minaccia dell’esercito di Putin è costante, anche perché in Crimea, a Sebastopoli, sono almeno 12 le navi militari russe schierate. E davanti ai monumenti principali, di fronte al Teatro dell’Opera, ci sono castelli di sacchi di sabbia con cui ci si prepara alla difesa, strada per strada, metro per metro. Sui sampietrini delle vie dello shopping si susseguono i cavalli di frisia. Odessa, il porto più importante dell’Ucraina, è una preda irrinunciabile dal punto di vista di Putin. «Non mi aspetto però uno sbarco, non hanno sufficienti forze, spero di non sbagliarmi» osserva Ugo Poletti, editore e direttore di The Odessa Journal, milanese che cinque anni si è trasferito qui. «L’importanza di questa città è evidente: se i russi riuscissero a prenderla, avrebbero il controllo di tutta la costa settentrionale del Mar Nero». In una delle piazze principali dello stupendo centro storico, proprio nei pressi della Scalata Potomnkin, c’è la statua di Caterina la Grande: non c’è la cancel culture, nessuno nasconde il passato nell’impero zarista. Qui si parla russo e il partito filo russo alle ultime elezioni per il sindaco ha preso il 20 per cento. «Ma russofono non significa russofilo» spiega un altro italiano che da vent’anni vive a Odessa, Attilio Malliani, consigliere del sindaco Trukhanov per le relazioni internazionali e incaricato dalla Farnesina per gestire l’evacuazione dei connazionali. Aggiunge: «È altissimo il numero dei volontari per la difesa della città, al di sopra delle aspettative».

Sospetti

A Odessa in molti hanno familiari oltre il confine, ma la maggioranza vuole difendersi dall’occupazione. Non c’è la caccia al russo, in una città frequentata da molti turisti di quel Paese, ma anche da molti uomini d’affari. Qualche arresto di chi è ritenuto troppo vicino a Putin c’è però stato. Per ora non mancano generi alimentari, si trova carburante, il trasporto pubblico funziona. Scuole, bar e ristoranti sono chiusi. Si aspetta, si guarda al mare e alle navi russe minacciose sul mar Nero, la marina ucraina ha annunciato di avere colpito una imbarcazione nemica. E si scruta soprattutto a est, alla strada, sperando che Mikolaiv resista.

MARIUPOL 

Cibo finito, le liti per il pane. «Senza neve non c’è acqua. E piovono soltanto bombe»

Mariupol è una delle città diventate simbolo di questa invasione, sarà ricordata in futuro come esempio della follia di questa guerra e della ferocia dell’esercito di Putin, i libri di storia parleranno dei reparti di pediatrie e di maternità bombardati, dei 1.207 civili già uccisi, dell’agonia perché ormai tra macerie, tra palazzi distrutti e fosse comuni, cominciano a mancare cibo e acqua. Non c’è il gas, non c’è il riscaldamento, si accendono i fuochi, si cucina così quel poco che c’è. Si benedice la neve, perché almeno si può ricavare acqua da bere. I missili russi hanno colpito soprattutto i quartieri occidentali. Racconta una testimone: «I saccheggi sono in aumento, ci sono madri impazzite che cercano cibo e pannolini per i bambini».

Trappola

Mariupol è una trappola in cui almeno in 200mila vorrebbero andarsene, ma i corridoi umanitari non hanno funzionato. L’esercito russo continua a sparare. Ora nella città sul Mar d’Azov, nel sud-est dell’Ucraina, si usano definizioni che si sperava non sentire più: «genocidio», «catastrofe umanitaria», «tragedia», «condizioni medievali». Racconta Sasha Volkov, vice capo della delegazione della Croce Rossa internazionale, in un messaggio audio: «Molta gente dice di non avere più nulla da dare da mangiare ai bambini, le persone cominciano ad attaccarsi tra di loro per il cibo, o ad attaccare le auto di altri per prendere la benzina». Mariupol, una città che prima dell’invasione aveva quasi mezzo milione di abitanti, dove solo due settimane fa si andava a scuola, al ristorante, a fare shopping, oggi è un fantasma: è allo stremo. Dice ancora Volkov: «Tutti i negozi e le farmacie sono stati razziati diversi giorni fa e le persone si stanno ammalando a causa del freddo. Noi della Croce rossa abbiamo un rifugio, nella cantina, solo per i bambini e le loro mamme. Tutti gli altri adulti, ed i bambini sopra i 12 anni, dormono nell’ufficio». Su Facebook una cittadina di Mariupol è riuscita a scrivere alcuni messaggi per raccontare quanto sta succedendo: «La gente sta morendo per mancanza di acqua. Fuori è gelido, fa un freddo feroce negli appartamenti. Ditemi, è possibile cuocere un uovo nella carta stagnola? Ne ho ancora sei... I bambini faranno colazione». L’ultimo messaggio: «Abbiamo da mangiare ancora per cinque-sei giorni, gli adulti provano a ridursi le porzioni. Ci stanno mancando le forze».

Denuncia

Il vicesindaco di Mariupol, Sergiy Orlov, è riuscito a collegarsi con i media internazionali e ha denunciato: «I russi hanno usato l’aviazione, l’artiglieria, i lanciarazzi, armi che non conosciamo neppure. Questo è un crimine di guerra. Questa città è sempre stata multietnica, patria di persone di lingua russa e ucraina, di etnia greca e armena. E la metà delle persone uccise dai bombardamenti russi sono ucraini di lingua russa». Denuncia l’arcivescovo di Kiev, Sviatoslav Shevchuk: «Ci sono uccisioni di massa a Mariupol, dai tempi delle repressioni di Stalin non vedevamo sepolture di massa, fosse comuni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA