Ucraina, scoperta un'altra camera delle torture

Il villaggio dove sono emersi questi resti è stato recentemente ripreso dall'esercito di Kiev

Ucraina, scoperta un'altra camera delle torture: scatola piena di denti strappati
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 5 Ottobre 2022, 15:03 - Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre, 19:00

«Una maschera antigas messa sulla testa di una vittima che è stata coperta con uno straccio che bruciava e sepolta viva». Poco lontano, «una scatola di capsule dentali d'oro». L'ultima galleria degli orrori russi scorre sul terreno di un bosco a Pisky-Radkivski, villaggio nella regione di Kharkiv sulla riva destra del fiume Oskil. Una nuova «camera delle torture» è stata scoperta dalla polizia ucraina nella località da poco tornata sotto il controllo di Kiev dopo la ritirata delle truppe di Mosca.

Kiev, la denuncia del ministero della Difesa

«Una mini Auschwitz. Quante altre se ne troveranno nell'Ucraina occupata?», ha denunciato il ministero della Difesa ucraino, pubblicando le due immagini, scattate dal capo del dipartimento investigativo dei servizi di sicurezza nell'oblast, Serhiy Bolvinov: un'inquietante riproposizione delle pratiche naziste nei confronti dei prigionieri nei campi di concentramento.

Ucraina, i comandanti eroi di Azovstal riabbracciano le famiglie in ospedale: lacrime e sorrisi Video 

Ucraina, foto choc: nella stanza delle torture inciso sul muro il Padre Nostro in russo

Le vittime e le torture

In quella stanza, è l'accusa, i russi hanno tenuto i residenti in condizioni disumane. «I vicini sentivano costantemente urla provenire da lì. Gli investigatori hanno trovato una terribile camera di tortura nel villaggio. La polizia è ben consapevole delle torture», ha raccontato Bolvinov, denunciando che alcuni cittadini sono stati «sepolti vivi» in quel bosco. «La polizia conosce i nomi delle vittime, le indagini sono in corso», ha spiegato su Twitter. Da quando la controffensiva nell'est del Paese ha ripreso la gran parte del Kharkiv, da cui i soldati russi sono fuggiti, luoghi di tortura sono stati rinvenuti in diversi centri «liberati»: postazioni spesso nascoste in sotterranei o casupole isolate e impiegate per colpire membri della resistenza ed estorcere confessioni o punire la popolazione che non accettava il dominio russo. Tra le prime camere degli orrori denunciate c'è quella a Balakliya, rinvenuta poche ore dopo l'ingresso delle truppe di Kiev in città. Una stanza delle esecuzioni allestita in un seminterrato, con «istruzioni sul 'nazismo ucrainò incollate sui muri» e «una sedia con un martello, nastro adesivo e guanti usati», vicino a tracce di sangue sparse. Nella stessa località, sulle pareti di un'altra stanza, qualcuno aveva inciso la preghiera del Padre Nostro. Denunce sempre respinte da Mosca come fake news, come quelle sulle sepolture sommarie di massa a Izyum, dove sono stati esumati 447 corpi, compresi quelli di 5 bambini, la maggior parte con segni di morte violenta e in 30 casi tracce di tortura, tra «arti spezzati» e «amputazione dei genitali».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA