Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Azovstal, nell'acciaieria assediata mamme e neonati allo stremo. «Il cibo sta finendo, aiutateci». Video choc

Il video di 10 minuti sarebbe stato girato dai soldati del reggimento Azov il 21 aprile e mostra le durissime condizioni di vita delle persone nel bunker

Ucraina, il video di mamme e neonati dentro l'acciaieria Azovstal assediata: «Il cibo sta per finire, aiutateci»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Aprile 2022, 13:08 - Ultimo aggiornamento: 16:47

«Il cibo sta per finire, cosa daremo da mangiare ai nostri bambini?» È l'appello disperato delle mamme rifugiate nei sotterranei dell'acciaieria di Azovstal a Mariupol in Ucraina, mentre fuori da settimane va avanti l'assedio con bombardamenti continui da parte delle truppe russe. 

 

Ucraina, due mesi fa iniziava la guerra: le date e le foto simbolo, dagli orrori di Bucha allo show di Putin allo stadio

La preghiera di Zelensky: «L’Ucraina risorgerà». Incontro con Blinken a Kiev. La rivelazione: Putin non crede più ai negoziati

Il video: madri e neonate in condizioni disperate

A dare l'allarme è un video condiviso su Youtube dal battaglione Azov. 10 minuti di girato che mostrano le durissime condizioni di vita delle famiglie che hanno trovato rifugio nei sotterranei dell'acciaieria. Qui, dopo 2 mesi di guerra, manca tutto: vestiti sporchi vengono usati come coperte e buste di plastica al posto di pannolini e, secondo le stime, anche le scorte cibo e acqua stanno per finire: basteranno solo per un altro paio di giorni. Nel filmato, che sarebbe datato 21 aprile, viene mostrato come i soldati del battaglione Azov entrano nell'acciaieria e distribuiscono cibo ai bambini (forse dolci). 

L'appello della madre: «Ci hanno tolto tutto» 

«Ci hanno privato dalla nostra vita pacifica sulla nostra terra, che non è la loro terra; della nostra bella città, del lavoro, della nostra scuola, dell'ospedale. Non abbiamo più acqua o cibo, ne rimane solo per pochi giorni. Cosa daremo da mangiare ai bambini? Per quanto tempo saremo qui, sotto i bombardamenti? E che dire del mondo intero? Sta  guardando come Mariupol viene uccisa?» sono le parole di una delle donne che si trova nel sotterraneo riportate da Ukrinform. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA