Mafia, "Franky boy" Calì ucciso a New York: era un boss della famiglia Gambino

Giovedì 14 Marzo 2019
Frank Calì e la sua casa vista dall'alto

L'italoamericano Francesco 'Frank' Calì, 53 anni, è stato vittima mercoledì sera di un agguato davanti alla sua residenza di Staten Island (New York City) ed è morto in ospedale a causa delle ferite riportate da colpi di arma da fuoco: lo riferiscono i media Usa, che citano la polizia locale. Secondo i media si tratta del primo assassinio di rilievo negli ambienti della criminalità organizzata di New York da oltre 30 anni. L'agguato è avvenuto alle 21:00 ora locale (le 2:00 di oggi in Italia).

LEGGI ANCHE New York, storia della Grande Mela costruita da malandrini e tagliagole

Un vicino di 58 anni che ha dato solo il suo nome di battesimo, Salvatore, ha detto di aver sentito  sette colpi di pistola poco dopo le 21 di sera, racconta il New York Times. La famiglia Gambino era il gruppo criminale organizzato più grande e influente della nazione, ma molti dei suoi leader furono condannati negli anni '90 per crimini che andavano dagli omicidi al racket e usura.

La famiglia era guidata all'epoca  - spiega sempre il Nyt - dal boss del crimine John J. Gotti, che frequentava costosi ristoranti e nightclub con uno stuolo di guardie del corpo. Prese il potere in famiglia organizzando l'omicidio del suo predecessore, Paul Castellano, nel 1985 , davanti alla Sparks Steak House di Manhattan (nella foto).

Gotti fu condannato per racket e omicidio nel 1992 e morì di cancro in prigione nel 2002, all'età di 61 anni. Nel 2013 suo figlio, l'ex boss del Gambino John A. Gotti, fu pugnalato allo stomaco a Syosset. Aggressione alla quale sopravvisse.

LA COINCIDENZA
L'omicidio di Frank Cali è avvenuto lo stesso giorno in cui Joseph Cammarano Jr., il famoso boss della famiglia del crimine Bonanno, è stato prosciolto al processo, e circa una settimana dopo la morte di Carmine J. Persico, boss da lungo tempo della famiglia criminale di Colombo , deceduto in carcere all'età di 85 anni.

Mentre sono passati decenni da quando un boss della mafia è stato ucciso a New York, molti dei pesci più piccoli sono stati vittime di agguati o uccisi negli ultimi anni.

A ottobre,  - ricosctruisce sempre il Nyt - Sylvester Zottola, 71 anni, un noto socio della famiglia criminale Bonanno, è stato colpito a colpi di arma da fuoco mentre aspettava nel suo Suv davanti a un McDonald's nel Bronx.

Solo tre mesi prima, il figlio del sig. Zottola, Salvatore Zottola, è stato colpito in un'imboscata da un uomo armato in una strada alberata fuori dal compound del Throgs Neck. 

Castellano, che fu l'ultimo boss del Gambino ad essere assassinato, possedeva una casa su Benedict Road. Una casa sulla vicina Longfellow Road è stata la location per le riprese del film "Il Padrino".

Dagli anni '90, le fortune dei cinque clan tradizionali della mafia della città sono in declino. Le autorità federali e statali hanno aumentato la loro attenzione sul controllo da parte della folla di alcune industrie e sindacati a partire dagli anni '80 e hanno migliorato il loro uso delle leggi del racket per allentare il controllo della mafia. 

E dal momento che otto capi della mafia sono stati condannati nel 1986 in un processo federale di racket per aver gestito una commissione che governava la mafia negli Stati Uniti, i leader della mafia hanno evitato i riflettori nel timore di venire all'attenzione dei pubblici ministeri federali e statali.

 

Ultimo aggiornamento: 11:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chi tira tardi per spiare i cellulari

dei figli, con l’incognita password

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma