A 15 anni uccide amico adolescente con 70 coltellate: il giudice lo condanna a 17 anni di carcere

Il caso, che risale allo scorso dicembre, ha sconvolto tutta la Gran Bretagna

A 15 anni uccide amico adolescente con 70 coltellate: il giudice lo condanna a 17 anni di carcere
3 Minuti di Lettura
Lunedì 8 Novembre 2021, 21:13

Condannato a 17 anni di carcere un adolescente di 15 anni, responsabile dell'omicidio del coetaneo Roberts Buncis, pugnalato 70 volte in quello che il griudice ha definito come un «assalto brutale e prolungato». Il caso che ha sconvolto tutta la Gran Bretagna risale allo scorso 12 dicembre quando Roberts e il suo assassino si erano dati l'appuntamento per incontrarsi vicino casa, nella cittadina di Boston nel Lincolnshire inglese.

L'adolescente lo avrebbe attirato in un bosco e lì avrebbe iniziato a colpirlo ripetutamente. Per i giudici, che hanno trascorso poco meno di due ore in camera di consiglio, il ragazzo condannato avrebbe mostrato un «significativo livello di premeditazione e pianificazione». Inoltre il responsabile del delitto non avrebbe mostrato «nessun segno di rimorso».

Gran Bretagna, condannati tre 14enni per aver ucciso un coetaneo dopo una lite sui social

La vicenda

Al centro dell'incontro tra i due adolescenti una partita di droga: 50 grammi di cannabis che l'aguzzino avrebbe promesso a Roberts Buncis in cambio di un'ingente somma di denaro.

Adesca un bambino al parco e lo uccide, arrestato 54enne: era in libertà condizionata per omicidio

Il condannato durante tutte le udienze del processo ha sempre insistito sul fatto di aver agito per legittima difesa e di aver "perso il controllo" vedendo che il dodicenne si era portato dietro un coltello. La presuta arma però non è mai emersa dalle indagini, rendendo pertanto inattendibile la versione dell'assassino.

Dopo l'omicidio l'adolescente avrebbe tentato di nascondere le sue tracce, bruciando i vestiti indossati al momento dell'accoltellamento e inscenando un alibi.

Le parole del padre della vittima

Edgars Buncis, padre di Roberts, ha raccontato tutto il suo dolore alla stampa locale per la perdita del figlio: «Da quel giorno mi sento svuotato. Non è accettabile tutto quello che è successo. Nessun padre dovrebbe esser costretto a seppellire un figlio».

«La mia vita non ha più senso ed è come se fosse stata seppellita anch'essa in quella bara. Ho perso qualsiasi scopo di vita», ha aggiunto tra le lacrime il signor Buncis.

Adescavano 12enni online e le stupravano nei parchi: arrestata banda di quattro rumeni

© RIPRODUZIONE RISERVATA