Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Uccide il marito con il collirio per le lenti a contatto, poi si giustifica: «Aveva rossore negli occhi»

Uccide il marito con il collirio per le lenti a contatto, poi si giustifica: «Aveva rossore negli occhi»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 17 Gennaio 2020, 19:13 - Ultimo aggiornamento: 21:06

Ha ucciso il marito con il collirio per le lenti a contatto, poi ha tentato di giustificarsi davandi al giudice dicendo che il consorte «aveva rossore negli occhi». Una donna della South Carolina è stata condannata a 25 anni di prigione dopo essersi dichiarata colpevole di aver ucciso suo marito con il collirio per le lenti a contatto. Secondo i media locali Lana Sue Clayton fu inizialmente accusata di omicidio per aver avvelenato il marito, Stephen Delvalle Clayton, nella loro casa di Clover nel luglio del 2018. Poi la donna si è dichiarata colpevole di omicidio colposo volontario prima della condanna.

Daniela: «Ho dato il Cumadin a mio marito, ma non volevo ucciderlo»

Usa, cerca su Google: «Come uccidere una bambina», poi ammazza la figlia di 4 anni

 


Tetraidrozolina

L'ufficio dello sceriffo della contea di York ha affermato che l'autopsia sul corpo dell'uomo ha mostrato livelli mortali di tetraidrozolina, un decongestionante usato per alleviare il rossore negli occhi.

Il giudice ha detto che Lana ha lasciato il marito soffrire per tre giorni prima del decesso, lei però ha ribattuto che non aveva intenzione di ucciderlo, ma solo di farlo star male. La sorella di Stephen Clayton in tribunale ha definito la donna un «mostro».

 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA