Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Uber di guerra, ecco i volontari che rischiano la vita in Ucraina: portano cibo e salvano i rifugiati

I volontari che rischiano la vita in Ucraina, ecco gli "Uber di guerra" che portano cibo e salvano i rifugiati
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 13 Aprile 2022, 15:45 - Ultimo aggiornamento: 16:14

C'è chi è scappato per salvarsi dai bombardamenti. E chi invece è rimasto in Ucraina, perché lasciare casa è sempre una scelta troppo coraggiosa e difficile da fare. E dove si combatte, oltre ai civili che si sono uniti alle forze armate, ci uomini e donne che sfidano le mine e i checkpoint russi, guidando con le loro auto per portare aiuti (cibo soprattutto, ma anche armi) e per spostare i rifugiati nelle zone più "calde".

Sui social esistono gruppi dove le donne ucraine si organizzano per aiutare. Studiano viaggi, si scambiano contatti e sfidano le forze militari degli invasori, con la speranza di non essere fermate. Spesso sui loro furgoncini scrivono "bambini", un modo per sperare nella compassione dei russi. Tecnica non sempre efficace. "Uber War" è invece un gruppo di volontari arrivati dagli Stati Uniti, che condivide su Facebook le missioni del giorno. Viaggiano dalla Polonia all'Ucraina e raggiungono città distrutte dalla guerra, rischiando in prima persona la pelle.

Ucraina, «Vai e stupra le donne, basta che usi le protezioni»: l'intercettazione choc tra un militare russo e sua moglie

Crimini di guerra, contro l'umanità e genocidio: ecco di cosa può essere accusato Putin

Women Take the Wheel

Lo stesso via vai si verifica al di là del confine, in Polonia. Sono tantissimi i gruppi di volontari che si adoperano per dare il loro contributo. È stato creato una sorta di Uber della guerra, dove le donne si avvicendano per andare a recuperare i profughi che arrivano a piedi e lasciano l'Ucraina. Poi li portano nei centri abitati e li affidano alle autorità. Il collettivo "Women Take The Wheel", formato da 600 persone, sta supportando tutte le volontarie che si spostano verso luoghi non sicuri per portare assistenza. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA