Trump tradito dal fast food, superata la soglia dell'obesità

Donald Trump
2 Minuti di Lettura
Sabato 16 Febbraio 2019, 21:36

Hamburger e patatine fritte giocano un brutto scherzo a Donald Trump. La passione del presidente americano per il cibo dei fast food, che fa preparare anche dagli chef della Casa Bianca, è cosa nota, e gli ha fatto prendere qualche chilo di troppo. Per la precisione due rispetto a un anno fa, secondo il check-up annuale a cui si è sottoposto al Walter Reed National Military Medical Center, supervisionato dal suo medico Sean Conley. E ora, anche se gode di «un'ottimo stato di salute generale», è entrato nella fascia che contraddistingue la categoria degli obesi.

Il presidente degli Stati Uniti è alto oltre 190 cm per un pò più di 110 kg di peso: e con un indice di massa corporea pari a 30,4 - spiegano gli esperti - è 'tecnicamentè obeso, come sottolineano diversi media. Secondo il National Institutes of Health, infatti, chi ha un un indice maggiore di 30 (ottenuto basandosi su peso e altezza) è sopra la soglia dell'obesità. «Questo indice non è una valutazione perfetta della salute, ma quando una persona è clinicamente obesa e ha altri fattori di rischio, ciò fa aumentare in modo significativo la preoccupazione che sviluppi problemi cardiaci», fa sapere il dottor Sanjay Gupta, corrispondente medico della Cnn.

Dal check-up è emerso anche che il presidente, 72 anni, ha 70 battiti al minuto, una pressione 118/80 e il colesterolo a 196. L'unica variazione nei farmaci che era già solito assumere è un aumento a 40 mg al giorno della rosuvastatina, usato per trattare l'ipercolesterolemia e le condizioni associate, nonchè per la prevenzione primaria dalle malattie cardiovascolari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA