Transnistria, perché è così importante per la Russia? La posizione strategica e il preludio dell'attacco a Odessa

Lo stato indipendente è rimasto fedele a Mosca e può fare da trampolino per l'invasione da Sud-Ovest

Transnistria, dove si trova e perché il mobilitamento delle truppe russe può essere il preludio dell'assalto a Odessa
3 Minuti di Lettura
Sabato 2 Aprile 2022, 14:13 - Ultimo aggiornamento: 15:11

Abbandonato (per il momento?) l'obiettivo Kiev, la Russia ha spostato gli sforzi militari a Est, nel Donbass, e a Sud dove da Mariupol a Mykolaiv ci sono stati i bombardamenti più forti. Odessa resta la città che più di tutte può spostare l'ago della bilancia della guerra verso Mosca. Per questo, la mobilitazione delle truppe russe in Transnistria potrebbe preannunciare un'offensiva forte sulla città portuale più importante del Mar Nero. Ieri i missili russi sono stati indirizzati proprio su Odessa, che da tre settimane ha preparato la controffensiva all'attacco, che più volte è sembrato imminente. 

Ucraina: missili, droni kamikaze Switchblade e Puma, tank sovietici: ecco tutte le armi di Kiev

Dove si trova la Transnistria

La Transnistria è la striscia di terra che fa da "cuscinetto" tra la Moldavia e l'Ucraina. Il suo confine a Sud dista pochi chilometri a Ovest da Odessa. Anche se ufficialmente parte della Moldavia, è uno stato non riconosciuto, rimasto fedele alla Russia dopo lo scioglimento dell'Urss. Ha una popolazione di appena 300 mila abitanti, con una forza militare di circa 1.500 persone. 

 

L'importanza strategica

Oltre a ospitare le truppe di Putin, la Transinistria rappresenta un deposito di armi di Mosca. Strategicamente la sua posizione è stato oggetto di attenzione degli analisti di guerra dall'inizio dell'invasione. È il trampolino perfetto per arrivare a Odessa, ancora oggi rimasta (quasi) immacolata dalla guerra. 

Cosa succede

I russi hanno iniziato a mobilitare unità in Transnistria per condurre azioni in Ucraina. Lo ha annunciato lo Stato maggiore di Kiev, riporta Ukrainska Pravda. «È stato intensificato il lavoro per mobilitare unità di truppe russe con sede nel territorio della regione transnistriana della Repubblica di Moldova al fine di condurre provocazioni e svolgere azioni dimostrative al confine con l'Ucraina», ha affermato lo Stato maggiore, sottolineando che i movimenti di truppe sono finalizzati a «dare una dimostrazione di disponibilità per un'offensiva e possibili ostilità contro l'Ucraina».

© RIPRODUZIONE RISERVATA