Divise Maternity per le Top Gun dell'Usaf: «Per le militari in gravidanza c'è anche l'outfit mimetico»

Prima le pilote in dolce attesa erano costrette ad acquistare da sole le tute, ora possono scegliere uniformi disegnate apposta per loro

Parità di genere, all'aeronautica Usa arrivano le divise Maternity per le pilote incinta
3 Minuti di Lettura
Giovedì 20 Gennaio 2022, 12:58 - Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio, 09:31

La parità di genere nell'aeronautica americana, l'Usaf, parte dalle divise, anche quelle delle tante top gun che diventano mamme. L'Air Force Usa ha infatti appena commissionato una nuova linea di uniformi disegnata appositamente per venire incontro alle esigenze delle militari in gravidanza. L'Usaf è la più imponente forza aerea al mondo: 9mila velivoli e 330mila persone con le stellette, con la quota delle donne che sale sempre di più anche in ruoli di comando. Tante anche le pilote effettivamente Top Gun, combat-ready, pronte a combattere, ovvero impiegate in zone di guerra. Poi però che cosa fare quando la Cicogna è in arrivo e si passa momentameante ad altri servizi a terra? Ecco allora le nuove divise. 

«Le donne svolgono una parte importante delle nostre missioni giornaliere» ha spiegato Tracy Roan, capo dell'ufficio uniformi alla base aeronautica di Wright-Patterson in Ohio all'Air Force Times «Vogliamo essere certi che essere incinta non cambi la loro capacità di lavorare e che si sentano bene con loro stesse durante il servizio».

«Senza donne non se parla»: firmato in Rai il protocollo per la parità in talk show e dibattiti

Una rivoluzione con il fiocco rosa nei cieli americani

Precedentemente, le pilote in dolce attesa erano costrette ad acquistare larghe tute di volo che dovevano essere ripetutamente modificate per adattarsi all'evoluzione della gravidanza. Da aprile invece, possono scegliere tra 2000 comode tute "maternity" frutto di un investimento di ben 540.000 dollari per rendere le divise più adatte anche alle esigenze femminili. Tra queste, c'è anche una versione due pezzi della divisa da combattimento. «Si tratta di una necessità in quanto nel volo non puoi permetterti nessun accessorio aggiuntivo che possa dare origine un incidente imprevisto» ha aggiunto Roan. 

Le nuove divise sono un primo passo per rendere l'aeronautica più inclusiva nei confronti delle reclute femminili. Le donne sono infatti più inclini a lasciare il servizio rispetto ai colleghi uomini, anche per le difficoltà di conciliare vita familiare e lavoro. Un fenomeno da combattere, anche a partire da questi piccoli passi. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA