Eunice: venti fino a 200 km orari: tredici morti e 400.000 persone al buio in Gran Bretagna

Allerta rossa: «rischio di oggetti volanti con conseguente pericolo di vita»

Eunice: venti fino a 200 km orari: tredici morti e 400.000 persone al buio in Gran Bretagna
5 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Febbraio 2022, 12:52 - Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio, 18:27

Persone barricate nella case a milioni, caos, danni, e un numero di vittime che continua a crescere man mano che arrivano gli aggiornamenti dai servizi di soccorso. Sono gli effetti del passaggio turbinoso di Eunice, tempesta annunciata abbattutasi nelle scorse ore con venti record in particolare sulle isole britanniche, senza fare sconti a una metropoli delle dimensioni di Londra: coinvolta per la prima volta dal pericolo mortale suggellato dall'allarme rosso da quando l'attuale sistema di preavviso fu introdotto nel Regno Unito dal Met Office 11 anni fa. Le raffiche hanno superato le 90 miglia (quasi 150 chilometri) all'ora sulle coste sud-occidentali fra Cornovaglia e Galles, con punte vicine ai 200 sull'isola di Wight (picco assoluto in Inghilterra dacché esistono gli strumenti di calcolo oggi disponibili). Oltre a investire la capitale con folate a quota 115-120 Km/h, nonché il nord della Francia e altri Paesi dell'Europa centro-settentrionale poco sopra i 100. Una bufera in piena regola, accompagnata da scrosci di pioggia intermittenti e costata la vita finora ad almeno 13 persone. I morti sono stati segnalati in Gran Bretagna, Irlanda, Olanda, Belgio, Germania e Polonia, secondo i servizi di emergenza, al lavoro da ieri per ripristinare la corrente elettrica in Gran Bretagna dove 400mila persone sono rimaste al buio. Le autorità hanno esortato le persone a non viaggiare per evitare il caos nei trasporti dopo che la rete ferroviaria è stata chiusa a causa dei fortissimi venti dovuti a Eunice. Anche la rete ferroviaria in Olanda è rimasta paralizzata, con i servizi internazionali Eurostar e Thalys in partenza dalla Gran Bretagna e dalla Francia dopo i danni alle linee elettriche. Eunice ha provocato disagi anche alla rete ferroviaria in Francia dove 75mila persone sono ancora senza elettricità.

Viaggi e voli in tilt in Inghilterra: a Londra cancellate partenze per Milano, Roma e Verona

Tempesta di Foehn a Milano: cosa è successo

Eunice, morta una donna a Londra

Anticipata dai meteorologi sin dalla vigilia come la più minacciosa perturbazione degli ultimi tre decenni oltre Manica, Eunice - piombata dall'Atlantico a ruota del gemello Dudley, che nei giorni scorsi aveva privato dell'elettricità migliaia d'abitazioni nelle aree più a nord dell'isola, provocando 5 morti tra Germania e Polonia - ha lasciato dietro di sé una scia pesante: impattando in primis sui trasporti, con circa 500 voli cancellati nei soli aeroporti inglesi (20% del totale a Heathrow, il maggiore degli scali londinesi) e centinaia di altri costretti a subire ritardi o ad azzardare manovre d'atterraggio mozzafiato ripetute; e contraccolpi pure nelle ferrovie (i treni locali sono stati tenuti fermi totalmente in Galles) o sulla circolazione stradale. Mentre il porto di Dover, terminal cruciale per merci e traghetti passeggeri in arrivo dalla Francia attraverso il Canale, ha sospeso le attività per qualche ora come misura cautelare prima che l'allarme iniziasse lentamente a scemare nel pomeriggio.

 

Lo scenario che rimane è intanto quello di edifici devastati qua e là, di strutture non permanenti fatte letteralmente volare via dal vento e di tetti scoperchiati: compresa parte della copertura della celebre O2 Arena, a Londra, dove i centralini di polizia e vigili del fuoco sono stati intasati di chiamate e richieste di soccorso per ore. Tanto da innescare l'allerta del «major incident», l'emergenza grave. Gli appelli quasi ossessivi alla prudenza, e a non uscire di casa se non per ragioni strettamente necessarie (riecheggiati in mattinata via Twitter dal primo ministro Boris Johnson in persona e dal sindaco di Londra, Sadiq Khan), sembrano del resto aver se non altro limitato le conseguenze per la gente. 

 

Mentre a contenere relativamente le ricadute del disastro ha contribuito pure la chiusura precauzionale - decisa da autorità locali e servizi di emergenza, prima d'essere sanzionata in ben due riunioni preventive ad hoc tenute ieri dal comitato nazionale governativo Cobra - di luoghi pubblici o attrazioni turistiche di grido: come ad esempio i Kew Gardens, orto botanico simbolo della capitale britannica, o il London Eye, la maestosa ruota panoramica che si affaccia sul Tamigi. In attesa che sia il bilancio completo e definitivo dei prossimi giorni a dire l'ultima parola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA