Donald Trump: «Se fossi stato io presidente non ci sarebbe avanzata dei talebani»

Donald Trump: «Se fossi stato io presidente non ci sarebbe avanzata dei talebani»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 12 Agosto 2021, 18:30 - Ultimo aggiornamento: 18:41

Donald Trump è fortemente critico sulla politica statunitense in Afghanistan con i talebani che annunciano la caduta delle principali città (oggi Herat e Kandahar) L'ex presidente afferma inoltre che lui avrebbe «discusso personalmente con i leader talebani in modo che capissero che quello che stanno facendo è inaccettabile». «Ci sarebbe stato un ritiro molto diverso e di ben altro successo - ha concluso - ed i talebani questo lo hanno capito meglio di chiunque altro».

Afghanistan, allarme Usa: «Kabul cadrà nelle mani dei talebani entro 90 giorni»

Trump, l'accordo originario

Donald Trump, che quando era alla Casa Bianca aveva raggiunto un accordo con i Talebani per un ritiro degli Usa dall'Afghanistan che si sarebbe dovuto concludere a maggio, accusa Joe Biden di essere responsabile dell'avanzata dei Talebani. «Se fossi io il presidente, il mondo avrebbe assistito un ritiro sottoposto a condizioni», ha scritto in un comunicato. L'attacco di Trump arriva dopo che nei giorni scorsi dall'amministrazione democratica è stato ricordato che il presidente Biden non aveva nessuna «possibile opzione» che il ritiro a cui gli Stati Uniti erano vincolati dall'accordo fatto da Trump con i Talebani. «Era preordinato - ha detto il portavoce del dipartimento di Stato, Ned Price - è un accordo che probabilmente questa amministrazione non avrebbe fatto, certamente non in tutti i dettagli. Ma è un accordo che abbiamo ereditato».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA