Svezia, il parlamento sfiducia il primo ministro Stefan Lofven: è la prima volta in 104 anni. Il caso affitti

Svezia, il parlamento sfiducia il primo ministro Stefan Lofven: è la prima volta in 104 anni. Il caso affitti
2 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Giugno 2021, 14:57 - Ultimo aggiornamento: 23 Giugno, 09:24

Sconcerto in Svezia dove non sono certo abituati alle brevi legislature o ai governi "balneari": per la prima volta il Parlamento, con 181 contrari al governo su 349, ha sfiduciato il primo ministro Stefan Lofven. Il voto era stato convocato dopo che di recente il Partito della Sinistra aveva lasciato il fragile governo di minoranza guidato da Lofven per uno scontro sulla proposta di riforma del mercato degli affitti. Con la coalizione in subbuglio, la scorsa settima il partito di destra Democratici Svedesi aveva chiesto un voto di fiducia al Riksdag, il Parlamento di Stoccolma.

Svezia, il parlamento sfiducia il primo ministro Stefan Lofven

Altri partiti di opposizione si sono rapidamente schierati contro Lofven, che guida il Paese scandinavo da sette anni. Le frenetiche trattative nel weekend per trovare un compromesso con il Partito della Sinistra sono fallite e ora Lofven ora ha due possibilità: dimettersi insieme al governo o indire nuove elezioni entro una settimana. Le prossime elezioni generali sono in programma in Svezia, monarchia parlamentare nell'attuale forma dal 1917, nel settembre del 2022.

© RIPRODUZIONE RISERVATA