Fine vita, in Austria la Corte costituzionale consente il suicidio assistito

Austria, Corte costituzionale consente il suicidio assistito
2 Minuti di Lettura

La Corte costituzionale austriaca ha dichiarato incostituzionale la punibilità del suicidio assistito. Il reato è in contrasto con il diritto all'autodeterminazione, stabilisce la Corte suprema in una sentenza resa pubblica in serata. L'omicidio su richiesta resta invece vietato. La politica dovrà ora stabilire entro un anno la nuova cornice normativa, visto che il divieto del suicidio assistito sarà sospeso il primo gennaio 2022, informa l'agenzia Apa.

LEGGI ANCHE Eutanasia, il pm ricorre contro l'assoluzione di Cappato e Welby per la morte di Davide Trentini

 

Stop al divieto per il velo a scuola

La Corte costituzionale austriaca ha bocciato la messa al bando del velo islamico per le bambine nelle scuole primarie, introdotto nel 2019 dell'allora governo «Kurz 1», composta dai popolari Oevp e dall'ultradestra Fpoe. Il provvedimento - stabilisce la Corte - interviene su una singola religione, l'Islam, senza una precisa motivazione, contraddicendo così il principio di neutralità religiosa dello Stato. Il ministro all'istruzione Heinz Fassmann della Oevp (che ora governa con i Verdi) ha preso atto della sentenza, rammaricandosi però che «bambine non avranno la possibilità di svolgere l'iter formativo libere da costrizioni».

Venerdì 11 Dicembre 2020, 22:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA