Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bandah Aceh, ragazzo e ragazza si abbracciano in strada: incarcerati per mesi e fustigati

Bandah Aceh, ragazzo e ragazza si abbracciano in strada: incarcerati per mesi e fustigati
di Federica Macagnone
2 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Febbraio 2019, 18:56 - Ultimo aggiornamento: 18:57

Si erano abbracciati in pubblico. Semplicemente abbracciati. In quasi tutto il resto del mondo sarebbero stati guardati con tenerezza, magari con invidia. A Bandah Aceh, capitale della provincia indonesiana di Aceh, invece no: quel gesto d'affetto è stato visto come sacrilego e oltraggioso nei confronti della legge della Sharia e, in quanto tale, punito severamente. I due protagonisti della vicenda, un ragazzo e una ragazza di 18 anni, entrambi studenti universitari, sono stati giudicati colpevoli di aver violato un principio inderogabile: niente effusioni fisiche in pubblico. Incarcerati per mesi, alla fine sono stati fatti salire su un palco davanti a una moschea e frustati selvaggiamente sulla schiena con una canna di bambù, sotto gli occhi di centinaia di persone, accorse a seguire la loro fustigazione, che li additavano al pubblico disprezzo.

Recentemente avevano subito la stessa punizione anche un uomo di 35 anni e una donna di 40, colpevoli di aver fatto sesso in un negozio di alimentari. Giovedì scorso lei aveva chiesto di essere liberata, ma una squadra medica ha rimandato la sua fustigazione dopo averla giudicata non in buone condizioni fisiche per affrontare la punizione. A dicembre, invece, due uomini sorpresi a fare sesso con ragazze minorenni erano stati frustati 100 volte ciascuno.

Aceh è l'unica provincia indonesiana a imporre la legge islamica, adottata dopo aver ottenuto un'autonomia speciale nel 2001, concessa dal governo centrale per tentare di sedare una lunga insurrezione separatista. I gruppi per i diritti umani si battono contro la fustigazione, definendola una pratica crudele, e lo stesso presidente dell'Indonesia, Joko Widodo, ha chiesto che venga messa al bando. Questa pratica, però, riceve un ampio sostegno da parte della popolazione di Aceh, quasi tutta musulmana: circa il 98% dei suoi cinque milioni di abitanti è infatti seguace dell'Islam.

© RIPRODUZIONE RISERVATA